Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

La piu’ grande avventura ha ancora da venire

L’esperienza mi insegna che i cerchi tendono sempre a chiudersi, e i conti a tornare.

(Dove tendono va preso testualmente: "tendono a tornare" non significa che lo facciano necessariamente. Magari uno viene messo sotto da un autobus impazzito e lascia qualche cerchio aperto, vallo a sapere. Certo e’ che per Highlander il carpe diem e’ una gran cagata – nel senso che i cerchi si chiudono sempre, prima o poi, e quindi non e’ che valga la pena di sbattersi tanto se si ha tempo a disposizione).

Il problema pero’ e’ quando i cerchi sono due, si chiudono contemporaneamente senza inanellarsi, e uno deve decidere se stare di qua o di la’.

La cosa pazzesca della mia vita e’ che ogni volta sembra che io sia sempre di fronte a un bivio (andare in Australia o restare in Italia, andare nel deserto o restare a Brisbane, andare in Giappone o restare in Australia, tornare in Australia o restare in Giappone, tanto per nominare i piu’ eclatanti degli ultimi 10 anni).

Ogni bivio serio che mi trovo ad affrontare e’ di quelli da cui e’ difficile tornare indietro: una volta che hai scelto hai scelto.

Ogni nuovo bivio che mi trovo ad affrontare sembra piu’ incasinato dei precedenti – ma forse e’ solo un’impressione.

Ma soprattutto, ogni bivio che mi trovo ad affrontare porta anche vecchi cerchi a chiudersi, cose nuove da capire, cose vecchie da capire. Nuove opportunita’, nuove prospettive. Nuova entropia.

Tutti i bivi che ho scelto in passato avevano una chiara demarcazione: da una parte il cervello, dall’altra il cuore. Il dubbio in fondo, per tutti questi, non c’e’ mai stato: ho sempre usato il cervello ma scelto la strada del cuore. Perche’ il cuore non si sceglie mai alla cieca: bisogna ponderare, mitigare i rischi, analizzare se ne vale veramente la pena, capire cosa si ha da perdere se tutto va male. Insomma, io ho sempre scelto la strada del cuore con la pace (e il benestare) della mente.

Oggi pero’ e’ tutto diverso, per la prima volta in vita mia. Ora sono qui che guardo la mia vita come fosse un film, e mi dico meravigliato che non ho la piu’ pallida idea di dove saro’ fra 6 mesi, cosa staro’ facendo e a che condizioni. Perche’ per la prima volta il cuore e la mente non hanno preferenze in particolare. Va bene tutto, questa volta: sono di fronte a due situazioni vincenti, senza problemi, ugualmente allettanti.

Che fuori la vita pero’.

About these ads

7 risposte a “La piu’ grande avventura ha ancora da venire

  1. destinazioneestero lunedì 28 maggio 2012 alle 3:44 pm

    Che fortuna: due situazioni vincenti ugualmente allettanti! Complimenti e in bocca al lupo!

  2. Alberto lunedì 28 maggio 2012 alle 6:17 pm

    cuore e mente… aggiungi anche il fato : tira una moneta.

  3. elicarmi lunedì 28 maggio 2012 alle 9:48 pm

    o estrazione…se tanto ti van bene entrambe potresti anche dire…brisbane: fatta, sydney: fatta,perth: la facciamo?

  4. Akanishi martedì 29 maggio 2012 alle 5:00 am

    una delle due però è radioattiva

  5. Mario martedì 29 maggio 2012 alle 8:19 am

    “Che fuori la vita pero’”
    Non capisco che significa

  6. Pingback:(Quasi) sette anni « Bello Onesto Ri-emigrato Australia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 380 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: