Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Ignorance is bliss

Scontrarsi con certi modi di pensare mi lascia perplesso, a volte. E penso

Se giudichi senza sapere autolimiti i tuoi orizzonti. 
Si chattava di una spiaggia australiana con un mio amico, tempo fa. Gli ho scritto “e’ una figata, acqua cristallina. Hai presente The beach, il film con Di Caprio?” E lui: “no, figurati se guardo un film con Di Caprio. Mi sta sul cazzo“.
Cioe’. Ti sta sul cazzo, quindi non hai mai visto un suo film. Ti sta sul cazzo ma non lo puoi giudicare come attore, visto che non l’hai mai visto recitare. Ti sta sul cazzo e quindi non hai mai visto The beach, non hai mai visto Blood Diamond o Body of lies. Ti sei precluso almeno una mezza dozzina di ottimi film.
Con questo non voglio attaccare ne’ offendere ne’ giudicare il mio amico, che poi mi legge e s’incazza. Sono solo un po’ perplesso, tutto qui. Questo era solo un esempio, come moltissimi altri. Conosco delle tipe che odiano Megan Fox, situazione speculare, molto comune.
Boh.

Se non hai provato e dici che non ti piace non sai cosa ti perdi.
Altro esempio. Quanta gente conosco (e quanta gente conoscete pure voi immagino) che dice: “non mangio cinese/giapponese/etc”, oppure che dice “che schifo McDonalds!”
Poi gli chiedi: hai mai provato? No, ma so gia’ che non mi piacerebbe. Oppure: No, ma con le schifezze che ci mettono dentro non mi azzardo!
Ora, io mi chiedo. Non ti sto chiedendo di provare. Pure io non vado pazzo per il cinese, e non e’ che mangio al Mac ogni giorno (piuttosto, una volta a semestre se e’ tanto). Ma gusti sono gusti, d’accordo. E ancora una volta, le risposte possibili sono: Mi piace/Non mi piace/Non ho mai provato.
Dimmi non so, non ho mai provato. Dimmi non sono interessato, non e’ il mio stile. Ma non mi puoi venire a dire che non ti piace se non hai mai provato. Come fai a sapere se non sai?!

Chi giudica a priori e’ un uccello che non ha imparato a volare.
Passo da amico ad amica. La Skippu ieri cambia il suo status su Facebook e fa un innocente commento, del tipo: “ma sono io l’unica al mondo che non ha letto Harry Potter?”  La Skippu, da persona intelligente, ha comunicato il suo sacrosanto disinteresse in Harry Potter senza pero’ esprimere giudizi su una cosa che non conosce.
Ma ecco che quel commento scatena un thread infinito. Un esercito di aprioristi getta la maschera e si lancia in giudizi sommari. Cose del tipo “ma figurati se leggo HP!”, “Non letto e fiero di non averlo fatto”, etc.
Ora, se non l’hai letto e non sai di cosa stai parlando, come ti permetti di giudicare? Che ne sai? Sei fiero di cosa?
Uno o una ha commentato: “l’ho iniziato ma poi ho lasciato perdere, lo trovavo noioso.” Questo si chiama giudizio. Questa persona sa quello di cui sta parlando perche’ ha effettivamente aperto il libro, ha provato e non le e’ piaciuto. Stop.
Ma l’apriorista in questo caso non arriva neppure a sollevare la copertina. Si ferma al “Non l’ho letto. Non mi piace. Mi sta sul cazzo”.
Ma che ne sai, capra. Che ne sai del mondo che non hai visto, che ne sai di esperienze che non hai fatto, che ne sai di gente con cui non hai mai parlato, che ne sai di libri che non hai letto, che ne sai di sentimenti che non hai vissuto, che ne sai tu di un campo di grano, che ne che ne sai.

Annunci

6 risposte a “Ignorance is bliss

  1. Tonari giovedì 16 luglio 2009 alle 3:58 pm

    Noooo ma Harry Potter è favoloso! Kiruccia leggilo!

  2. Fede giovedì 16 luglio 2009 alle 8:43 pm

    Devo assolutamente sottoscrivere questo post. Sono meccanismi che mi fanno veramente imbestialire… soprattutto quando mi rendo conto che in qualche occasione ne sono io stesso vittima 😉

  3. kamauri venerdì 17 luglio 2009 alle 3:54 am

    “Se non hai provato e dici che non ti piace non sai cosa ti perdi.”

    Che bello! Vado subito a farmelo mettere nel culo! Poi magari ti raggiungo in australia e ti racconto come è andata!

    Questo solo per dire che per fortuna non dobbiamo necessariamente provare TUTTO prima di scoprire che una cosa non ci va.

    Hai ragione, però, quando dici che certa gente ha degli atteggiamenti veramente del cazzo. Non è il fare o il non fare: è l’aria del “ho capito tutto io” e poi magari è una vita che mangi solo pasta e fagioli…

  4. albino venerdì 17 luglio 2009 alle 6:24 am

    Hai ragione Kamauri (hai sbagliato il nome, x quello ho dovuto approvare il tuo commento… se scrivi Kamamuri viene in automatico xche’ sei un commentatore approvato!).

    Il mio esempio era legato a certi preconcetti… ovvio che non ti dico “prova a infilarti una siringa in vena x provare a vedere com’e’!”…

    Insomma, ci siamo capiti! Era come dici te, sugli atteggiamenti del cazzo! 🙂

  5. Matteo venerdì 17 luglio 2009 alle 11:35 pm

    Io ho letto tutti gli Harry Potter, ho visto the beach, ho visto Titanic ma mi manca Blood Diamonds (il divx che avevo preso in prestito da Emule si vedeva troppo male)… Ah, OVVIAMENTE mangio da McDonalds e anche dal cinese ogni tanto…

    E NE VADO FIERO!
    ^_^
    Hahaha…

    A parte gli scherzi, ogni persona è libera di fare e dire ciò che crede… MA è vero che offrire consigli su argomenti che non si conoscono è da idioti…

  6. kiruccia sabato 18 luglio 2009 alle 10:54 pm

    La mia considerazione era nata dopo aver visto che la mia hp (che sta per home page, non per harry potter :D) in facebook si era riempita di commenti di amiche che avevano prenotato i biglietti per vedere hp (harry potter, stavolta). Ma non ho assolutamente nulla in contrario ad Harry Potter, anzi, mi hai colpito molto quella volta in cui, qualche anno fa, mi hai detto che dopo aver letto il primo avevi voluto leggerteli tutti! E anche Laura è super-appassionata, se li è letti tutti in inglese, e del vostro giudizio mi fido, prima o poi proverò a leggerlo!
    Diciamo che a volte in certe persone scatta quel meccanismo per cui “va di moda=mo’ io invece lo schifo”, capita anche a me, è altrettanto vero che in un caso di un fenomeno come Harry Potter in me scatta il meccanismo “piace a tutti=devo provare a leggerlo e capire perché”.

    Purtroppo non sai quante volte ho tentato inutilmente di convincere i miei amici a venire a mangiare giapponese… “ah che schifo io il pesce crudo non lo mangio”, e 1. non ne hanno mai mangiato in vita loro 2. la cucina giapponese non è solo pesce crudo, nonostante nei ristoranti che ci sono qui non ci sia una grande varietà e i cuochi siano cinesi, non ci sono solo sushi e sashimi!!!

    Questa settimana poi mi è capitato un altro episodio analogo… ma stavolta non si trattava di libri o cucina, ma di persone: un mio compaesano mi ha chiesto l’amicizia su Facebook dopo aver letto dei miei commenti musicali sul profilo di un’amica comune. Visto che io posto video a manetta, ha iniziato a notare che avevamo gli stessi gusti musicali, poi ha visto che avevamo altro in comune e mi ha chiesto di fare quattro chiacchiere di persona. Fa’ conto che ci conosciamo di vista tipo da 20 anni, ma penso non ci fossimo neanche mai parlati, e ha ammesso di essere sempre stato un po’ prevenuto nei confronti di molti suoi compaesani (tra cui io) perché pensava di non avere nulla in comune. Alla fine invece abbiamo passato 3 ore a chiacchierare di tutto. Ma quante volte (ci) succede di avere dei pregiudizi nei confronti di persone che non conosciamo, solo per il modo in cui vestono, o per le persone che frequentano, o a pelle?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: