Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Odiocrazia

Ieri sera parlavo con un amico brasiliano. Gli ho detto dell’italiano arrestato in Brasile.
Avendo io letto la notizia dai siti italiani, naturamente gliel’ho detta per come mi era stata presentata: un padre viene visto baciare in bocca la figlia e viene arrestato per errore. Lui mi guarda e mi fa una faccia strana. Ma come, mi dice, io ho letto che la stava toccando in parti intime, che faceva molto di piu’…

Ora, io vorrei capire. E’ evidente che ci sono due versioni dei fatti: il testimone che accusa e il padre che si difende. Quello che vorrei capire e’: perche’ la stampa brasiliana l’ha colpevolizzato a priori, mentre per quella italiana e’ altrettanto a priori innocente? Che diritto ha la stampa di scrivere sentenze di condanna o di assoluzione, non potrebbe limitarsi a raccontare i fatti?

Questo vale un po’ per tutto. Leggevo qua e la’ del caso Boffo. Ora, a prescindere dalla vostra opinione in merito, converrete con me su un punto: per alcuni giornali (Repubblica su tutti) il caso e’ stato presentato come un piano di Berlusconi (mandante neanche tanto occulto di Feltri) per vendicarsi degli attacchi di Avvenire.
Una patacca confezionata ad arte, secondo loro – che riportavano questa versione prima ancora di avere alcuna prova di colpevolezza o di innocenza. Mi chiedo: perche’ la stampa non puo’ limitarsi a dare delle fredde notizie, invece di interpretarle politicamente?
Repubblica avrebbe dovuto scrivere: “Il Giornale attacca Boffo”. STOP. Non “Il Giornale attacca Boffo, cazzata di Feltri mandato da Berlusconi per vendicarsi della Chiesa blablabla”. Sara’ mai possibile avere una notizia non interpretata, non ideologicizzata, non omogeneizzata?
Se Berlusconi domani viene in Australia e io mando una lettera a Repubblica in cui scrivo che l’ho incontrato a Brisbane e mi ha toccato il ciccio, scommettiamo che mi titolano in prima pagina? Scommettiamo che scoppia un nuovo caso? Scommettiamo che ho i miei 10 giorni di gloria e l’anno prossimo vado a fare la passerella alla mostra del Cinema di Venezia sottobraccio con la D’Addario?

Cambiamo parrocchia. Avete letto del figlio di Bossi? Quel caprone ignorante (bocciato 2 volte alla maturita’) ha ottenuto un posto da portaborse a 12000 euro al mese grazie al paraculo di suo padre. E’ una notizia che dovrebbe far tremare piu’ di qualche poltrona – non stiamo parlando di Bassolino o del PdL Siciliano, ma di quelli che brandiscono la bandiera della liberazione contro il magna-manga del Sud, e poi vengono beccati a magnare-magnare pure loro, a spese del contribuente. Qualcuno dovrebbe pagare.
Ma questa e’ l’Italia e si accetta di tutto. Dubito fortemente che questo scandalo portera’ via voti alla lega: i leghisti perdoneranno, chiuderanno un occhio in nome del Bene Ultimo. (?)

Ma non e’ cosi’ che dovrebbe andare.

Io credo sia il vero problema dell’Italia sia proprio questa partigianeria. La gente si sente da una parte o dall’altra – esattamente come i tifosi di una squadra di calcio. L’odio per la parte avversa e’ cosi’ forte che si accetta di tutto dalla propria parte. E si crede a tutto.

E’ per questo che da noi i leghisti perdoneranno i 12000 euro di Renzo Bossi, i Pdellini non crederebbero neppure di fronte a prove schiacchianti che Berlusconi sia andato a puttane e credono che Boffo sia un ricchione, mentre i Pd-ini si dicono convinti che Feltri abbia confezionato una patacca contro l’innocente Boffo.
Il tutto squisitamente senza prove, solo fidandosi della parola di giornali di parte (della propria parte, naturalmente – Padania o Repubblica o Giornale che sia).

Non e’ cosi’ che dovrebbe andare.

Annunci

9 risposte a “Odiocrazia

  1. Akanishi au Québec domenica 6 settembre 2009 alle 12:46 pm

    Credo ci sia un errore sai, quello che fa il portaborse a 12000 euri al Bruxelles non è Renzo Bossi, il pluribocciato alla maturità, ma suo fratellastro Riccardo Bossi. E’ notizia di due-tre anni fa.

    Renzo Bossi ha ottenuto invece recentemente un posto all'”Osservatorio sulle fiere lombarde”.

  2. Akanishi au Québec domenica 6 settembre 2009 alle 12:52 pm

    Sono d’accordo comunque. Sul tifo da stadio degli elettori italiani.

    Comunque, a conti fatti Boffo si è dimesso e Berlusconi è ancora lì, iprite.
    Di questo passo si dimetteranno i galantuomini a uno a uno e resteranno in sella solo i manigoldi.

  3. albino domenica 6 settembre 2009 alle 2:26 pm

    Infatti, vedi il tifo. Ti do il numero di mia madre se vuoi, ci fai una chiacchierata.
    Secondo lei Boffo e’ un culattone e Berlusconi e’ innocente.

    Senza prove, assolutamente come te 😀

    Poi ognuno ha le sue opinioni a riguardo, ma quello che io vorrei e’ comunque una stampa che si attiene ai fatti. Ieri Repubblica ha fatto un articolo parlando di un incontro tra Berlusconi e Letta. Era tutto virgolettato, e io mi chiedo: se l’incontro era tra loro due, chi gliel’ha dato il virgolettato a Repubblica?
    Se lo sono inventato, ovvio. Vorrei che la smettessero di romanzare, un po’ tutti! Tutto qua!

  4. dino domenica 6 settembre 2009 alle 3:32 pm

    gli elettori tifosi che non ragionano ma credono al segretario di partito mi sono sempre stati sul cazzo…..

    un’altra cosa tipicamente italica: ad agosto tutti in vacanza e a novembre puntuale arriva l’autunno caldo…. ma ci avete fatto caso che in estate non ci sono mai scioperi??!!…….

    meno male che c’è l’Australia……

  5. Akanishi au Québec domenica 6 settembre 2009 alle 9:11 pm

    Albino, io non faccio il tifo per nessuno, non prendo per oro colato quello che scrive Repubblica e il galantuomo Boffo per quanto ne so può essere benissimo una culatta quanto il manigoldo Berlusconi è un puttaniere.

    Ma non cercare di trasformare il ragionevole dubbio in una notte buia in cui tutte le vacche sono nere. Questo è precisamente quello che conviene a Silvietto tuo.

    Se vuoi invece ti do il numero della Curva Nord di casa mia, cioè mia nonna e di mia zia, che l’ultima volta che il Berlusca ha vinto le elezioni hanno commentato “la Madone nus a judaat!”, sperando di non farsi sentire dalla Curva Sud, cioè da me e mia madre.

    Magari si potrebbero scambiare il numero con tua madre, così si fanno una bella chiacchierata tra loro sui problemi del tifo in politica…

  6. T'aLon lunedì 7 settembre 2009 alle 3:23 am

    beh pure secondo mia madre boffo è gay e berlusca santo… ma pure secondo me boffo non la canta giusta:invece di difendersi sull’aggressione alla donna si è difeso sull’omosessualità, ergo è gay.
    per il brasile sono felice che gli abusi siano equiparati alla violenza e puniti immediatamente, ma è anche vero che in italia i genitori baciano i figli e che, soprattutto al mare si può essere fraintesi su cosa si sta facendo, vedremo come va.
    BAXXX

  7. Akanishi au Québec lunedì 7 settembre 2009 alle 10:55 am

    ho capito una cosa. Il nerbo dell’elettorato sono le MADRI. e le zie e le nonne.

    Noi stiamo qua a discutere, argomentare vanamente. tanto loro, le madri le zie e le nonne, voteranno sempre fedelmente uguale.

  8. paolo lunedì 7 settembre 2009 alle 4:51 pm

    credo che in nipponia per scandali e fallimenti politici la gente si suicida.. se succedesse in italia avremmo non so quanti porci in meno, da ambo le parti.. l’italia senza fassino d’alema e veltroni sarebbe così bella!!

  9. kamamuri martedì 8 settembre 2009 alle 9:31 pm

    Io per parte mia trovo semplicemente terrificante che voi possiate anche solo paragonare il fatto di essere frocio (che vi ricordo è un reato solo nei paesi mussulmani e a Cuba, poi fate voi che vi dite della casa delle libertà) con la sfilza di reati commessi da SB.
    A parte ciò, quello che tu auspichi semplicemente non esiste: la verità unica è un’astrazione. Di qualunque fatto ne verrà sempre data una interpretazione parziale perchè noi siamo parziali. Ma questo mi sembra quasi una banalità. Io invece penso che sarebbe il caso di riprendere una seria partigianeria chiara e decisa che sarà sempre meglio di questo qualunquismo strisciante anticamera del fascismo. Intendo dire, un essere di parte così convinto che possa anche permettersi di ammettere i propri errori e di fare proprie le posizioni della parte avversa. Un po’ quello che sta facendo fini, che non ha paura di dire la propria sugli immigrati. Io penso che lo faccia perchè saldamente di destra e perchè non ha nulla da dimostrare (oltre che per rompere i coglioni alla lega…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: