Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

E poi si scropri’

che quegli sciacalli di imprenditori che ridevano del terremoto dell’Aquila alla fine non hanno preso gli appalti. Cioe’, erano due stronzi qualsiasi che sono entrati in gara e l’hanno pure persa. Che sfigati.

Gianni Letta, oggi: «Tutti abbiamo sentito un brivido di orrore – ha detto Letta – rispetto a quelle brutte persone che stavano a lucrare qualcosa sulla disgrazia dell’Aquila. Nessuna di quelle persone, nessuna di quelle imprese, ha messo mai piede a l’Aquila nè ha avuto un euro di lavori nella prima fase e nè l’ avrà nella seconda»

Dispiace vedere questa triste storia usata in maniera politica. In queste ore mezza rete sta tirando merda a Bertolaso e a Berlusconi per cose dette da ‘sti due sfigati intercettati, vedi il blog di Grillo per esempio. La rete e’ la vaselina del populismo, falsificare la verita’ in rete e’ molto piu’ facile che nei quotidiani (checche’ se ne dica. Grillo dice: se dici cazzate in rete ti sputtanano in 5 minuti. No caro Grillo, tu hai un milione di contatti al giorno che ti legge e che crede ciecamente a quello che scrivi loro. Se tu scrivi una cazzata nessuno ti sputtana, e se qualcuno ti sputtana tu ribatti detenendo la posizione di potere del tuo auditel, e vinci lo stesso).

Questo succede quando si crede ciecamente ad una sola fonte, naturalmente. Nessuno dei grillini va a verificare quello che dicono Grillo o Travaglio. E ve lo dice uno che legge Grillo e Travaglio ogni giorno, ma non solo loro. E pensa, e si informa, e controlla.
Leggete Antefatto: li’ Berlusconi e’ il gia’ mandante e Bertolaso e’ gia’ condannato in via definitiva. Altro che processo breve.
Per la proprieta’ transitiva (la gente non conosce, la gente vuole personalizzare gli eventi) l’italiano medio, che e’ non informato o volutamente disinformato (perche’ di parte) e’ portato a pensare che al capo di una delle due cornette di quella telefonata ci fosse Bertolaso – e per un’altra proprieta’ transitiva, al di la’ del filo Berlusconi. Non avete avuto anche voi questa sensazione, che B&B in qualche modo ci fossero in mezzo? Per forza ci sono in mezzo, ce li tirano in mezzo (soprattutto uno) ogni volta!

Auguri per le regionali ora, con un 20% di indecisi che leggono ‘ste notizie. Attendiamo fiduciosi la puntata di Anno Zero in cui parleranno di questi eventi mettendo la faccia di Berlusconi subliminalmente sullo sfondo. Attendiamo inoltre la dichiarazione del pentito di turno, e lo scoop di qualcuno che verra’ a dire che quei due  erano i migliori amici di Bertolaso e – perche’ no – che partecipavano ai festini a palazzo Grazioli. Nevvero?

E ve lo dice uno che e’ assolutamente contrario agli attacchi di Berlusconi contro la magistratura. Berlusconi secondo me dovrebbe andare a casa. Facciamo altre elezioni, mandiamo su Tremonti o Letta, e poi vediamo. Tanto non e’ che se Berlusconi cade la destra non vince: ricordiamocelo molto bene questo cari compagni.

Solo una cosa vorrei, per favore. A parte le polemiche politiche. Possiamo scrivere sempre, e bene, i nomi di quei due idioti che ridevano a poche ore dal terremoto? Dirli al telegiornale per giorni, e giorni, e giorni… in modo che la gente non se li dimentichi piu’? Non devono mai piu’ trovare lavoro in vita loro, per favore. Basta parlare di Bertolaso, basta buttarla in politica.

Faccio la mia parte.

Francesco Maria De Vito Piscicelli

Gianfranco Gagliardi

Fate schifo.

Annunci

6 risposte a “E poi si scropri’

  1. Akanishi au Québec giovedì 18 febbraio 2010 alle 4:39 am

    “Possiamo scrivere sempre, e bene, i nomi di quei due idioti che ridevano a poche ore dal terremoto? Dirli al telegiornale per giorni, e giorni, e giorni…”

    No. Perché quei due tizi sono dei nessuno e non ci interessano.

    Quando Berlusconi (e Bertolaso, spiace dirlo) se ne andrà a casa sarà sempre tardi.
    Ma faccio notare che se lo volete davvero mandare a casa, siete voi destrorsi che dovete smettere di votarlo… quindi “cari compagni” una minchia.

    Ben venga il governo di Letta o Tremonti, ben vengano.

  2. albino venerdì 19 febbraio 2010 alle 1:28 pm

    Col cazzo smettiamo di votarlo, se ne deve andare lui sua sponte, col cazzo che mandiamo su la sinistra!
    Purtroppo non e’ che abbiamo scelta eh… in Italia non e’ che ci si scelga il candidato (grazie alla lega, mi pare).
    Il potere logora chi non ce l’ha e marcisce l’anima di chi ce l’ha.
    Io porrei come minimo prerequisito per essere eletto l’aver almeno 10 anni di esperienza in azienda (anche come operaio). Solo chi ha lavorato puo’ far politica, la politica non dev’essere un mestiere.
    E basta con sti politici a vita, hanno rotto il cazzo

  3. Akanishi au Québec sabato 20 febbraio 2010 alle 12:32 am

    Be’ se pur di non “mandare su” la sinistra continuate a votare il Berlusca allora non venite a dare la colpa a noi se poi l’Italia è sempre più una Repubblica delle Banane Meccaniche!

    Se non è questo il tifo da stadio, che tanto stigmatizzi, cos’altro è?

  4. albino sabato 20 febbraio 2010 alle 9:32 am

    Beh ma questo non e’ assolutamente tifo da stadio, e’ sempre il solito “si va per il male minore” all’italiana. Ognuno c’ha il suo male minore, no? 😀

  5. Akanishi au Québec sabato 20 febbraio 2010 alle 4:45 pm

    No, ognuno finisce per avere il suo peggio peggiore, a causa di quell’altro sordo che non vuol sentire…

  6. Akanishi au Québec sabato 20 febbraio 2010 alle 7:22 pm

    Il Berlusca su questa storia del meno peggio, che poi è la storia dei babau-comunisti-pieni-di-odio, ci marcia dal ’94.

    E’ come quello che batte le mani in mezzo a una piazza vuota, e gli chiedono:
    – perché batti le mani?
    – per tenere lontani gli elefanti
    – ma qui non ci sono elefanti
    – appunto! vedete che funziona?

    Montanelli diceva “turatevi il naso e votate DC”, ma quella volta c’era la guerra fredda, e la vittoria del PCI sarebbe voluta dire colpo di stato, truppe americane in piazza, guerra civile, sa dio cosa.

    Adesso, vedi un po’ tu se il gioco vale la banana…

    Non ha neanche abbassato le tasse, che è tutto dire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: