Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Mutanda Mutandis

Oggi mi e’ successa una di quelle cose che di tanto in tanto mi riportano alla mente questo vecchio post, probabilmente il migliore che io abbia mai scritto. Non so chi di voi si ricorda l’epoca in cui dimenticai un paio di mutande col buco a casa di una tipa, che poi lesse il mio vecchio blog schiaffandolo nel traduttore di Google e mi fece un mazzo tanto (ma questo forse non l’ho mai raccontato).
Certo che comunque noi uomini saremo tutti uguali, ma le donne, cazzo, sono proprio fatte con lo stampo e la bandiera sopra.

Ricordiamo insieme.

Se una donna italiana trova le mutande col buco che ti sei dimenticato sotto il suo letto, ti chiama e te lo fa notare come se niente fosse, facendoti credere che la cosa non sia importante. Poi le lava non per gentilezza ma per paura della proliferazione dei germi, dopodiche’ chiama sua madre, sua sorella e la sua migliore amica (nell’ordine) dicendo loro che sei uno sciattone e che non sei per nulla affidabile e che avevano ragione loro quando dicevano che non eri tu quello giusto. Poi piangono tutte insieme. La volta seguente NON te la da, ti riconsegna le mutande e ti molla.

Se una donna australiana trova le mutande col buco che ti sei dimenticato sotto il suo letto, si chiede di chi cazzo siano quelle mutande. Ma non ci da troppo peso visto che ha altri problemi piu’ importanti cui pensare, tipo il mal di testa post-sbornia che le sta spaccando il cervello. La volta che capiti a casa sua di nuovo, trovi le mutande nello stesso identico posto, visibili o no che siano, e ci resti un po’ cosi’ quando ti accorgi che le tue non sono le uniche mutande maschili sparse per terra . Se non te le riprendi, nel giro di qualche mese la tipa le butta via, la volta in cui fa la pulizia nel porcile che lei chiama camera da letto.

Se una donna giapponese trova le mutande col buco che ti sei dimenticato sotto il suo futon, le lava e le rammenda in maniera perfetta. Poi compra delle mutande nuove di Calvin Klein, ci fa un pacchettino con cura certosina e carta di Hello Kitty, e ti consegna mutande nuove & vecchie con un bigliettino scritto in calligrafia carinissssima, sempre di Hello Kitty. Nel darti il pacchetto, ride e ti fa notare in maniera sottile e subliminale che avresti bisogno di una moglie che si prenda cura di te, e dopo un paio di frasi butta li’ casualmente che il suo sogno e’ quello di avere dei figli con gli occhi azzurri.

Se una donna cinese trova le mutande col buco che ti sei dimenticato sotto il suo letto, l’unico modo per risalire al proprietario (occidentale) tra quelli che sono passati di li’ nell’ultima settimana e’ fare l’esame del DNA. Se le trova lei, le getta via col batticuore per il pericolo scampato. Se le trova il suo ragazzo cinese ufficiale e promesso sposo approvato dalla famiglia, la picchia e fa un casino, ma poi la perdona quando gli viene fame e si rende conto che non c’e’ nessun altro in casa che gli possa far da mangiare. Da li’ in poi fa finta che non sia successo niente, tanto tromba altre (cinesi) pure lui.

Se una donna francese trova le mutande col buco che ti sei dimenticato sotto il suo letto, se le mette per andare in giro perche’ lo trova eccitante. Quando la rivedi, lei si fa trovare ancora con le tue mutande addosso, se le sfila di fronte a te con posture sexy e menate varie, mentre tu ti chiedi se sia il caso di dare un occhio in cucina, che forse si e’ dimenticata il pesce fuori dal frigo. Quando ti riprendi le mutande, ti rendi conto di due cose. La prima, che tra i vostri due incontri non se le e’ mai tolte. La seconda, che tra i vostri due incontri lei ha avuto le sue cose. E la diarrea.

Annunci

9 risposte a “Mutanda Mutandis

  1. Tonari lunedì 12 luglio 2010 alle 2:47 pm

    A noi interessa sapere cosa ti è successo però.

  2. fede lunedì 12 luglio 2010 alle 6:44 pm

    sottoscrivo Tonari!! Son massa curioso!

  3. Paolo lunedì 12 luglio 2010 alle 9:13 pm

    Ma tu hai una grande quantità di mutande con il buco oppure ad ogni incontro con una nuova nazionalità te le metti e strategicamente te le dimentichi per vedere la reazione?

    Perché come fai a dimenticartele? Cioè dico, quando ti rivesti dovrai pur notare qualcosa che, come dire, sta un po’ più all’aria aperta del solito.

  4. albino martedì 13 luglio 2010 alle 12:04 am

    Eh, non se stai li’ due o tre giorni… s

  5. Stila martedì 13 luglio 2010 alle 9:10 pm

    Ciao! Un po’ di tempo fa -quando era già chiuso- ho letto tuuuuuutto l’altro tuo blog..ora, a -18 giorni dal mio primo viaggio in Giappone mi sto leggendo questo, hehe. Quando ho rivisto il mitico post delle mutande non ho resistito e mi sono intromessa per un saluto!
    Mi piace proprio come scrivi, complimenti. Se non ti dispiace ti linko nel mio blog 🙂
    jaa neee dal trentino^^

  6. Pingback:Dalla Cina con furore « Come sa di soja lo riso altrui

  7. elisa sabato 17 luglio 2010 alle 10:29 am

    mi ricordavo di sta cosa della mutanda col buco, ma bella la descrizione delle varie nazionalità! hahahahaha!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: