Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Costi della vita a confronto

Cari lettori, oggi facciamo un post serio, istruttivo e d’inchiesta allo stesso tempo. Iniziamo ricapitoliando cosa ho fatto la settimana scorsa, da lunedi a domenica (ieri).

Lunedi scorso sono andato a Hiroshima in viaggio di lavoro, aereo piu’ un’ora di taxi fra i monti sperduti del Giappone piu’ rurale, piu’ meeting di quattro ore in Giapponese nella sede di Mitsubishi, piu’ un’altra ora di taxi con abbiocco incorporato, un okonomiyaki Hiroshima-style e due ostriche fritte al volo in aeroporto e via a casa. Martedi invece sono rimasto a casa, e cosi’ mercoledi – tra parentesi a Tokyo ora come ora fa tipo 36 gradi con umidita’ al 95%, non e’ che ti viene voglia di uscire.

Giovedi sono uscito con un’amica italiana, ci siamo fatti una cena in grande stile giapponese, beh oddio… tenpura bagnata da una bottiglia di bianco, per dire. E qui, contate bene, era la prima volta nella settimana che uscivo.

Venerdi. Venerdi sono uscito per aperitivo e pizza in velocita’ con un amico francese, poi un paio di drinks ma siamo tornati presto, tipo alle 10 e mezza ero a casa.

Sabato mattina sono andato dal barbiere e poi mi sono diretto verso Omotesando, da Softbank a ritirare l’iphone4 che avevo ordinato qualche settimana prima e che era finalmente arrivato. Da Softbank e’ successo che mi hanno rifiutato la formula di pagare un tot al mese (ovviamente, dato che il mio visto scade a novembre – mi sarei stupito del contrario). Quindi ho dovuto pagare euro 410 sull’unghia, che comunque mi verranno scontati a circa duecento con sconti da 10 euro al mese per due anni in bolletta. Sentendo di questo sconto li avrei mandati volentieri a fanculo (ti devo pagare subito perche’ hai paura che prenda il telefonino e scappi all’estero, pero’ tu lo sconto me lo dilazioni in due anni. Nuova politica sull’immigrazione per invogliare i gaijin a non lasciare il Paese?). Comunque sia, taglio corto e lascio perdere le polemiche contro le aziende telefoniche giapponesi, per parlarne ci vorrebbe un blog ad hoc, dedicato all’argomento.

Sabato a pranzo un boccone veloce in un bel bar a Omotesando. Poi ritorno a casa verso il pomeriggio e via di nuovo, perche’ c’era il matsuri del fiume Sumida, che se non sbaglio e’ il piu’ importante festival di fuochi d’artificio del Giappone. Praticamente e’ un festival di fuochi d’artificio della durata di un’oretta e mezza, sparati lungo un fiume, precisamente da due postazioni diverse, una verso la foce e una piu’ a monte.

Bello, direte voi. Giappine vestite in yukata, gente seduta a terra che beve birra e chiacchiera amabilmente sgranocchiando yakitori, il fiume, i fuochi d’artificio, le bancarelle, le giappine vestite in yukata, una delle quali seduta dietro di me che mi mostrava la mutandina bianca… ah, l’avevo gia’ menzionata la parte delle giappine in yukata? Ok vado oltre.

Tutto qui? Quasi, diciamo. Questa e’ la parte bella, quella che avra’ fatto sicuramente sbrilluccicare gli occhi ai pippaioli (e alle pippaiole) drogati di anime e drama giapponesi che leggono questo blog. Ma come in tutto, c’e’ l’altra faccia della medaglia, e credetemi in Giappone c’e’ sempre l’altra faccia, a meno che non siate dei turisti che vengono qui con le fette di Evangelion sugli occhi a visitare templi e a fotografare i piatti al ristorante. Siamo a Tokyo, ricordate? Quindi aggiungete a questa scena bucolica un paio di elementi di disturbo:

Innanzitutto, una milionata di persone, o giu’ di li’. Che sommati al clima monsonico-tropicale e all’innata capacita’ dei giapponesi di essere capre (tutti ammassati nello stesso posto, tutti a fare la fila, uno dietro all’altro – tipo sabato vedevi scene come il marciapiedi a destra della strada con calca infernale, fermo da ore – e il marciapiedi a sinistra praticamente libero, passeggiata confortevole fino al luogo dei fuochi. Possibile che a nessuno sia venuto in mente di attraversare la strada? Probabilmente tutti ci pensano ma nessuno lo propone per paura di fare una proposta intelligente in una comitiva di giapponesi. Potrebbe offendere gli altri, eh).

Il secondo elemento di disturbo e’ che i fuochi d’artificio si tengono a Tokyo, capitale mondiale del cemento, degli edifici sparpagliati a casaccio, dell’abuso ambientale e secondo me anche edilizio (o per lo meno lo sarebbe in un altro qualsiasi paese civile al mondo). Tradotto, questo significa che non importa in quale posizione ci si metta, il fuoco d’artificio sara’ sempre parzialmente o totalmente ostruito da un grattacielo, da una tangenziale, da un cavalcavia, da un parcheggio, da un sovrapassaggio pedonale, da una inutilissima torre di cemento senza finestre, eccetera. Anche se ti metti in riva al fiume, si’. Comunque sia, la parte di spettacolo pirotecnico che ho visto e le mutandine della giappina non erano niente male – anche se ad essere onesto i fuochi del Redentore a Venezia sono meglio. Secondo me.

E siamo a domenica. Domenica due spese, quattro banane un po’ di insalata, una bolletta pagata. Poi al pomeriggio sono andato al cinema con tanto di giappina che aveva dei biglietti gratis per cui non si e’ pagato nulla. Un caffe’ prima del cinema, e mi sono comprato una custodia economica per l’iphone. Poi dopo il cinema siamo andati a mangiare un english roast in un pub, con una birretta.

Fine del racconto della settimana. Ora, volete sapere quanto ho speso di tutto questo, tralasciando l’iphone? Ho speso circa 400 euro, tutto compreso. Contate che a cena sono uscito giovedi, venerdi e domenica, piu’ lunedi sera in velocita’ all’aeroporto e sabato a pranzo. Domenica al pub, per dire, giovedi Izakaya e venerdi una pizza. Cioe’, non sono andato a mangiare ostriche e champagne. Sabato abbiamo mangiato “al sacco”, praticamente, un paio di yakitori alle bancarelle e poco piu’. Non ho fatto disco, non sono andato a club costosi, non ho fatto shopping.

Ma il punto e’. Perche’ ho l’impressione di aver speso un casino di soldi e di non aver fatto nulla in confronto a quello che ho speso? Che ne pensate? In Italia (o ovunque voi viviate) a fare le stesse cose voi quanto avreste pagato? Essendo fuori da anni non ho un’idea precisa di come sia il costo della vita.

Se volete il dettaglio delle spese nel prossimo post le elenco.

Sotto, il fiume Sumida dall’alto, barche in attesa dei fuochi, gente seduta in strada in attesa dello spettacolo, e qualche giappina in yukata.

Annunci

11 risposte a “Costi della vita a confronto

  1. elisa lunedì 2 agosto 2010 alle 5:34 pm

    sinceramente non saprei, anche perchè uscire cosi tanto in una settimana, almeno per me, è diventato impossibile…ti dico solo che per 2 pizze normali e due birre medie venerdi scorso abbiam speso 32 euro…tempo fa siamo usciti a mangiare in una tavernetta e prendendo una fritturina di pesce (calamari gamberetti e anguee), e due primi (una con pomodorini e un pesce del cavolo che non ricordo, e una pasta con le cape, mezzo litro di vino) 56 euro…in pub prendendo 2 club sandwich e 2 birre sono circa 30 euro…probabilmente uscendo quasi ogni sera, anche mangiando poco, non so se arriva ai 400 euro, ma non credo manchi molto…almeno da queste parti…

  2. Shinobu lunedì 2 agosto 2010 alle 6:48 pm

    Mi verrebbe da chiederti… come cavolo hai fatto? XD
    L’idea che mi era rimasta del Giappone dopo le vacanze era di un posto dove per mangiare si spende meno che in Italia… Ricordo le sbafate con 20 euro a testa in Izakaya a Ueno… ma forse tu vai in locali più fighi! 😀

    Vabbè poi io ho un metro di giudizio un po’ distorto, qui a Venezia è un po’ un pianto… come sai!

  3. 7eo lunedì 2 agosto 2010 alle 7:15 pm

    bhè 400€ per 4 giorni di uscita sono un po troppini..ma per giudicare dovrei vedere bene la lista. Immagino che la calca al sumida sia stata un po snervante ma non so..forse sarà che ad agosto la città si svuota e mi sento uno sfigato a restare al lavoro, ma mi sarebbe piaciuto essere lì
    ciao 🙂

  4. kiruccia lunedì 2 agosto 2010 alle 8:44 pm

    Uhm… 400 € sembrano tantini anche a me: ok che sono passati quasi 3 anni dall’ultima volta che sono stata in Giappone, però, come giustamente dice Ilaria, ci sono molti posti low cost… Ci sono piatti unici per i quali spendi mediamente 10 €, sicuro che se poi inizi ad aggiungere bibite o birra il conto sale in maniera esponenziale; anzi, ora che mi ci fai pensare, ricordo che le bibite avevano prezzi esorbitanti, saranno le bevande ad aver alzato il tuo costo?
    I prezzi che ti ha detto Elisa sono realistici, ci si mette niente ad andare in pizzeria e spendere 20 € a testa (pizza, bibita, caffè, coperto), ovviamente il prezzo può variare di molto a seconda del luogo (vicino alla mia nuova casa c’è una pizzeria low cost dove con 15 euro circa si mangia in 2 – pizze gigantesche – ovviamente il locale è quello che è xD) e soprattutto del menù.

  5. talon lunedì 2 agosto 2010 alle 9:42 pm

    dai obiettivamente 400 non sono tanti, sei stato a pranzo fuori quasi sempre.
    Se tu consideri che la pizzeria sotto casa io non riesco mai a spendere meno di 5 euro, e sto sempre sola. Se ci mettessi da bere arriverei a 10.
    4 cene fuori, ovviamente dipende sempre dal dove si va, e se paghi anche per gli altri…

  6. Alessandro lunedì 2 agosto 2010 alle 11:41 pm

    400 euri a Tochio ci stanno tutti. Soprattutto con lo stile di vita che hai tu.

    E l’izakaya a 20 euro la devo ancora vedere… Con cambio a 200 forse, e mangiando due spiedini.

  7. albino martedì 3 agosto 2010 alle 12:16 am

    Gia’, hai ragione. Izakaya mediamente bene che ti vada sono dai 3 ai 4000 yen, ovvero al cambio attuale dai 28 ai 37 euro a testa… circa. Comunque domani presento il conto dettagliato, vediamo bene come va la vita qui.

  8. Laura martedì 3 agosto 2010 alle 6:00 am

    Le cose potrebbero essere 2:
    o ti sei mangiato anche il cameriere ….o 400 euro sono effettivamente tantini!
    Solitamente per una pizza spendo intorno ai 15 euro( antipastino,pizza,birra, caffe)che piu o meno è il prezzo medio qui a Roma (a meno che non ti fai dare il bidone in qualche locale farlocco del centro storico).Ristorante dipende molto da cosa mangi…un menu di carne direi che con 30-35 euro si fa e quello di pesce lo butterei sui 40-45 (parlo di prezzo onesto, in tanti posti si paga anche di piu…). Nei pub spesso i prezzi del cibo – pizza,piadina,panino,hot dog ecc ecc- sono piu alti (es: se la piadina fuori la trovi a 3 euro al pub la paghi 5).Il cinema qui costa 7.50 /8.00 euro l’intero.Ovvio che tutti i prezzi si intendono a persona,altrimenti era la città della cuccagna! 🙂

  9. Shinobu martedì 3 agosto 2010 alle 7:04 am

    Vabbè parlo di un paio di anni fa, con un cambio decisamente più favorevole, comunque non è quello il punto. Il fatto è che ci sono locali e locali, posti più economici e altri meno.
    Esempio lampante, l’altro ieri sono andata a mangiare una pizza, precisamente pizza + birra abbiamo speso 27 euro in 2. Due giorni prima le stesse cose erano costate quasi 25 euro a testa. Stessa città, pizzerie diverse. Niente di strano.
    Dipende sempre da dove si va.

    In realtà non è facile fare confronti tra due paesi, in Giappone la vita costa di più, bisognerebbe fare un po’ di calcoli compensatori.
    Però in generale 400 euro non sono neanche così tanti per aver mangiato fuori ogni giorno, tenendo conto che sarai andato in qualche ristorante medio (non avrai mangiato ostriche ma non sarai andato neanche da MacDonald).
    Temo che in Italia non ne spenderesti molti meno.

    (Ma la bolletta era inclusa? :D)

  10. kiruccia mercoledì 4 agosto 2010 alle 12:43 am

    “Bisognerebbe fare un po’ di calcoli compensatori”… ma soprattutto bisognerebbe fare i calcoli con gli stipendi, inutile paragonare Italia e Giappone se non si mettono a confronto gli stipendi!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: