Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Corollario a Mal-education

Mi perdoneranno i lettori sprovvisti di password ma ho dovuto proteggere il post precedente perche’ ho parlato di argomenti “sensibili”, ovvero lavorativi. Non fatevi problemi a chiederla comunque, a meno che non siate miei colleghi 🙂

Questo pero’ lo posso scrivere.

Commenta Akanishi: In giappone è prassi “sfogarsi” sull’inferiore. E umiliarsi davanti al superiore, o al cliente. Funziona così. Una cosa non funziona, dai la colpa al bubez di turno.

Gia’. E questa cosa delle scale sociali cosi’ nette, cosi’ distinte, mi si avvicina piu’ al concetto di gerarchia feudale che di democrazia. Democrazia che e’ stata imposta dagli americani dopo la guerra mondiale, e che come e’ risaputo qui non e’ mai stata totalmente capita. Non per nulla abbiamo la partecipazione alle elezioni che si aggira intorno al 30%. Cioe’, vota meno di uno su tre, pazzesco.

E infatti. Il diritto di voto e l’uguaglianza di fronte alla legge, ma vi rendete conto? Significa che il voto di un povero studentello di 18 anni vale come quello dell’amministratore delegato che gira in Lexus con l’autista! E che il voto di una femmina vale quanto quella del maschio che lavora e porta a casa la pagnotta (la mignotta no, non la porta a casa… anzi neanche la pagnotta a dire il vero, piuttosto la ciotola di riso, ecco).

Pazzesca questa cosa. Uguaglianza… per quello nessuno qua va a votare. Contro il sistema! Secondo me se mettessero il voto a punteggio ci sarebbe una partecipazione altissima. Tipo, il voto di un diciottenne vale uno, quello del diciannovenne vale 2, eccetera. Se sei femmina, finche’ studi e lavori vali uguale, appena ti sposi e diventi casalinga si fa che il tuo voto vale il 75%, piu’ 5% per ogni figlio che fai, fino a raggiungere il tetto massimo del 100% con cinque figli.

Se perdi il lavoro e sei nullatenente il tuo voto vale il 50%, se sei in proprio vali il 100%, mentre se resti in azienda e diventi kacho (quadro, capufficio) vali il 110%, quando diventi bucho (dirigente) vali il 125%, se diventi shacho (amministratore delegato) il tuo voto vale il 200%. Appena vai in pensione invece perdi tutti questi bonus e il tuo voto vale la meta’.

Quindi, per dire, il voto di un diciottenne vale 1, quello di un neolaureato di 25 anni vale 8.  A 40 anni quando diventi capufficio vali 25 (arrotondato, ovviamente). Se sei femmina e casalinga con un figlio, invece, per dire, a 40 anni vale 18 unita’. Un amministratore delegato di 65 vale 96 punti, mentre se l’anno dopo va in pensione la stessa persona scende a 25 punti.

Secondo me questo sistema in Giappone sarebbe vincente. Che ne dite?

Annunci

13 risposte a “Corollario a Mal-education

  1. Akanishi au Québec domenica 26 settembre 2010 alle 12:34 pm

    è un po’ cerebrale sta cosa. Bastava dire che per loro la democrazia è una specie di optional.

    Comunque guarda che anche in Canada vota meno del 50%.

  2. Akanishi au Québec domenica 26 settembre 2010 alle 12:49 pm

    Già che siamo in vena di seghe mentali, si potrebbe fare così, per convincerli a votare: legare il valore del voto al numero di suoi sottoposti che manda a votare. Il voto del shacho vale quanto la somma dei voti dei suoi bucho, il voto del bucio vale solo se votano i suoi kacho, e il voto di ogni cacio vale quanto quello dei suoi bubez.

    Voterebbero tutti.

    (PS rivoglio i miei quadretti turchesi).

  3. albino domenica 26 settembre 2010 alle 1:12 pm

    Non e’ colpa mia, e’ wordpress che ha fatto sta cosa! Io non ho cambiato nulla!
    Iscriviti a wordpress e mettiti i quadretti turchesi come sfondo! LOL!

    Spe, provo a smanettare con le opzioni va’…

  4. Laura domenica 26 settembre 2010 alle 5:23 pm

    E un ripetuto appello dell’imperatore che dice di andare a votare per il bene del paese? >.<

  5. mamoru lunedì 27 settembre 2010 alle 9:26 pm

    Scusa, non e’ per rompere le balle, ma quella del 30% di partecipazioni alle elezioni da dove salta fuori?

    Perche’ a me proprio non torna….non e’ che la confondi con il tasso di astensione?

    Perche’ il turnout nelle elezioni nazionali dal dopoguerra a oggi e’ passato da poco oltre il 70% al 60%, con le iltime votazioni al 67% di affluenza, come in molte democrazie occidentali.
    In US fanno decisamente peggio in quanto a partecipazione al voto.

    PS L’unica eccezione pare essere il 95 con un numero di votanti inferiore al 50%, ma di eccezione trattasi. Magari in qualche elezione locale si sono raggiunte percentuali di partecipazione del 25-30%.

  6. albino lunedì 27 settembre 2010 alle 9:43 pm

    Quella del 30% di partecipazione salta fuori da

    1) le ultime elezioni, partecipazione al 32.5% a poche ore dalla chiusura delle urne
    2) investigazione in azienda, internet, amici, giappine etc. un po’ stupito i giorni seguenti, dove tutti (e dico TUTTI) mi hanno confermato che e’ pure in risalita, che era sotto il 30 fino a qualche anno fa e che
    2/a) e’ il piu’ grande problema politico del paese; e
    2/b) si toccano cifre “alte” solo nei paesotti vicini alle basi militari o nei posti dove viene incarcerata gente per corruzione.

    Cioe’, dimmi tu… se mi provi quello che dici allora almeno una ventina di persone si sono inventate di sana pianta una storia coerente, piu’ naturalmente le TV che guardavo durante gli spogli… x non parlare della giappina che avevo in fianco che era andata a votare e diceva “ecco, se votasse piu’ gente allora cambierebbe qualcosa”.

    Cioe’, o forse sono schizofrenico io… 🙂

  7. mamoru lunedì 27 settembre 2010 alle 10:31 pm

    Spero si impagini decentemente nello spazio angusto dei commenti:

    Japan Parliamentary Elections

    Year Total Vote Vote/Reg VAP Pop. Size
    1953 34,946,130 74.2% 49,419,000 86,700,000
    1955 37,334,338 75.8% 50,730,000 89,000,000
    1958 40,042,489 77.0% 54,924,000 91,540,000
    1960 39,920,119 73.5% 55,926,000 93,210,000
    1963 41,458,946 71.1% 60,416,370 95,899,000
    1967 46,599,456 74.0% 63,522,900 100,830,000
    1969 47,442,401 68.5% 69,123,900 103,170,000
    1972 52,929,059 71.7% 71,663,200 106,960,000
    1976 57,231,993 73.4% 77,814,750 112,775,000
    1979 54,518,515 68.0% 79,964,100 115,890,000
    1980 60,338,439 74.6% 80,771,400 117,060,000
    1983 57,240,830 67.9% 84,673,890 119,259,000
    1986 61,703,794 64.0% 86,259,320 121,492,000
    1990 66,215,906 73.3% 88,348,250 124,434,155
    1993 63,574,819 67.0% 95,955,900 124,670,000
    1995 43,307,400 44.5% 96,460,210 125,273,000
    1996 57,766,696 59.0% 96,672,730 125,549,000
    2000 60,882,471 60.6% 103,155,387 126,996,466
    2003 61 775 520 59.86 103,200,000 127,417,244
    2005 69 805 340 67.51 103,400,000 127,417,244

    Dati Ministero dell’interno (x proporzionale e maggioritario):

    http://www.soumu.go.jp/main_content/000074801.xls

    http://www.soumu.go.jp/main_content/000074804.xls

    Secondo me e’ il voto dei giapponesi all’estero che e’ al 30%.

    Altre fonti:
    http://www.idea.int/publications/vt_ee/upload/Annex_C.pdf

    http://ja.wikipedia.org/wiki/%E6%8A%95%E7%A5%A8%E7%8E%87

    • albino lunedì 27 settembre 2010 alle 11:30 pm

      Ecco, accettato!
      Ok, ma allora come mi spieghi quello che abbiamo visto alle ultime politiche, ovvero quel 32.5%? Ne ho parlato con mezzo ufficio il giorno dopo!

      Prova a chiedere un po’ in giro ai giappi che conosci cosa ne pensano… urge sapere!

  8. mamoru lunedì 27 settembre 2010 alle 10:55 pm

    Conto della serva delle ultime elezioni:
    i democratici hanno preso da soli 33 milioni di voti e i liberal democratici 27.

    Totale 60 su 100 milioni di aventi diritto…..due hanno raccolto il 60% dei voti esprimibili dai cittadini, quindi non e’ possibile che abbia votato solo il 30%.

    Considera anche 120 milioni di elettori (cosa non possibile) e la sostanza non cambia.

  9. mamoru lunedì 27 settembre 2010 alle 10:56 pm

    Il mio commento precedente coi link e’ ingabbiato in moderazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: