Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

La cartina del boh

Esiste un confine non segnato sulle carte geografiche, e’ quello tra il quando decidi cosa fare della tua vita e il quando capisci che hai poco da decidere, tanto la vita ti porta dove vuole lei.
Non so perche’, ma mi sono tornate in mente le ultime notti di indecisione in Australia, prima di imbarcarmi nell’avventura giapponese. Ero a un bivio: da una parte un lavoro molto ben remunerato, una posizione solida, una multinazionale famosa nel mondo, nel Paese con lo standard of living migliore del mondo. Dall’altra, boh.

All’epoca ricordo che passavo le mie serate ad attanagliarmi nel dubbio: andare o non andare, mollare tutto di nuovo oppure no. Il mio coinquilino mi guardava passeggiare per il giardino di notte, mani dietro la schiena, sigaretta in bocca, perso a ponderare i pro e i contro.
Non e’ mai intervenuto per cercare di convincermi a prendere una decisione. Io sapevo che lui, nei miei panni, avrebbe scelto l’Australia, eppure non ha mai detto nulla per non influenzarmi. L’unica cosa che mi ripeteva in continuazione e’ che alle volte abbiamo delle cose da fare, nella vita, e non importa se siano giuste o sbagliate: dobbiamo farle e basta.

Beh, a distanza di un anno eccomi qui. Vivo in Giappone, lavoro in una ditta giapponese, sono convinto di aver fatto non quello che volevo, bensi’ quello che dovevo.
Quello che dovevo, si’. Dovevo farlo, altrimenti ora sarei li’ a chiedermi come sarebbe andata. Dovevo farlo, altrimenti nella mia testa sarebbe rimasta quell’immagine di Giappone perfetto che mi ero costruito, quell’eldorado di figa e di perfezione che ti abbaglia quando metti piede a Tokyo.

Gli emigranti italiani in Australia usano dire che ci vogliono due anni per capire se starai in Australia per sempre o tornerai a casa. Due anni, ovvero il tempo che ti serve per togliere alla tua idea di Australia la patina di novita’, di clima fantastico, surf, spiaggia, stile di vita, eccetera. Due anni, dopo i quali vedi i contro e non solo i pro. Dopo i quali sei freddo abbastanza da poter capire se e’ li’ che vuoi passare il resto della tua vita, oppure no.

Credo che in Giappone ci voglia molto piu’ tempo. Due anni non sono sufficienti, perche’ la patina di perfezione e’ molto piu’ facile da scrostare: dopo un anno di vita qui sai gia’ cosa ti aspetta. Dopo un anno ami questo posto e lo odi allo stesso tempo, perche’ a differenza dell’Australia il Giappone e’ un caleidoscopio di colori che cambiano in continuazione, e’ una cipolla di patine che togli ad una ad una, e sotto c’e’ sempre qualcosa di diverso. Eppure, contemporaneamente, e’ sempre tutto uguale.

All’epoca dissi al mio ex coinquilino che andavo in Giappone perche’ sentivo che qui avevo qualcosa da fare. Che non sapevo cos’era, ma che avevo qualcosa di molto importante da fare. L’ho risentito da poco, mi ha chiesto se ho fatto quello che dovevo fare. No, gli ho risposto, non so ancora cos’e’ quella cosa, non so ancora il motivo per cui sono venuto qui. E lui, serafico: beh, non e’ detto che tu debba fare per forza qualcosa. A volte anche fare niente e’ fare qualcosa.

Forse e’ proprio cosi’. Chi ha detto che ci debba essere sempre un senso, in quello che succede? Chi ha detto che nella vita abbiamo il controllo, che possiamo fare quello che vogliamo?
Guardatemi. In teoria potrei andare dove voglio, fare quello che voglio, dare il corso che desidero alla mia vita. Potrei avere un lavoro da otto ore al giorno in Australia, sposarmi, farmi una casetta con piscina, macchina nuova in garage, nessun problema.
Oppure potrei fare l’ingegnere on site, essere li’ dove vengono collaudati i sistemi ferroviari. Nel freddo dell’Alaska, nel mezzo dell’amazzonia, nel deserto Australiano, oppure nel centro di New York. Letteralmente, dove voglio. Lavoro duro, molto duro, ma potrei permettermi di lavorare sei mesi l’anno, gli altri sei godermeli in vacanza. In questo caso non potrei avere una famiglia, dovrei rimanere in caccia per il resto della vita. Ma non e’ male, se ci si pensa. Poi si fa sempre a tempo a tornare nel piano A, volendo.
In ogni caso, entrambe le opzioni hanno il loro fascino. In entrambi i casi, siatene sicuri, mi andrebbe bene.

Invece sono qui. Nel limbo. Da quando sono in Giappone non so cosa faro’, non scrivo, non faccio praticamente nulla che mi possa aiutare a progredire nella mia carriera, a parte aumentare gli anni di esperienza. Non penso, neppure, o per lo meno lo faccio molto meno di prima. Ma forse e’ questo l’unico modo per capire cosa devo fare.

Ma lo stesso, esiste una linea non segnata nella nostra carta geografica. Un punto in cui ci si spegne il motore, ci si blocca il timone, diventiamo barche in balia della corrente.
E’ il punto in cui sappiamo cosa fare della nostra vita, l’abbiamo deciso. Solo, non riusciamo a dirlo, non riusciamo a farlo. Perche’ il punto di decisione per noi e’ il punto in cui ci troviamo ad affrontare la natura piu’ intima di noi stessi. Un po’ come quando ci rendiamo conto che il nostro partner non e’ la persona giusta, ma non abbiamo la forza per lasciarlo. O come quando decidiamo di fare una cosa e arriviamo fino al giorno prima, fino al bordo dello scivolo, prima di ammettere a noi stessi che non era quello che volevamo fare.

C’e’ chi dice che non si puo’ andare contro la propria natura. Forse, con le dovute eccezioni, e’ vero. Quel che e’ certo e’ che il limite piu’ grande di ognuno di noi siamo proprio noi stessi.

E quindi, che fare? Accettare la propria natura, supinamente, farsene una ragione e vivere in pace con se stessi, lasciare che la corrente ci trasporti dove eravamo destinati a finire, sin dall’inizio? Oppure combattere per un sogno, fottercene della nostra natura piu’ intima, cambiare, sbilanciarci, remare a mani nude controcorrente, intestarditi nel dirci che siamo noi i padroni del nostro destino?

Annunci

10 risposte a “La cartina del boh

  1. Fabiusli venerdì 1 ottobre 2010 alle 3:16 pm

    Insomma, ci stai dicendo che da grande vorresti fare l’ingegnere on site? 😉

    A parte gli scherzi, conosco la sensazione che descrivi. Quando ci penso mi viene sempre in mente Jack Sparrow (alla faccia del riferimento culturale!): la gente comune soffre il mare, lui ha il “mal di terra”. Ci sono persone che semplicemente sono fatte così, perché dovrebbero cambiare? Esiste davvero il cambiamento, la rotta contro corrente? Io credo che se vuoi girare la barca il germe del cambiamento e del futuro te stesso era già parte di te, e come tale rientrante nella tua natura.

    Il succo è affinare l’orecchio. Chi ti sta parlando veramente? Sei tu o è la voce “degli altri”? Quando riuscirai a distinguere nel brusio, tutto sarà più semplice. E se ancora non senti urla, urla più forte che puoi. ^__^

  2. Max Puliero venerdì 1 ottobre 2010 alle 4:15 pm

    Io vivo a tokyo da 4 anni.

    Amo il Giappone, non sono mai stato in Australia, ma penso che mi romperei le palle, visto che quando sono andato a santodomingo 2 setimane, a meta della prima non avevo gia piu voglia di stare li.

    Se ti vengono di questi dubbi, fai le valige e parti, e conserva un immagine positiva del giappone dentro di te.

  3. Laura venerdì 1 ottobre 2010 alle 6:06 pm

    Chi lo dice che sei tu a scegliere razionalmente tra piano A e piano B? Credo che arrivi un momento nella vita di ogniuno in cui ci si sente piacevolmente/forzosamente attratti da qualcosa…non perchè la si è scelta in anticipo ma perchè in quel momento senti che è la cosa giusta, quello che vuoi. Penso che si possa restare “supini a farsi trascinare” per un pò finche non vedi ” la tua boa” e cominci a “remare a mani nude” per raggiungerla. Poi cosa raggiungi, come lo raggiungi non è una cosa su cui ci si puo riflettere un secolo prima. è quando avvisti la boa e hai quella sensazione che devi decidere se remare o meno;C’è chi la vede già dalla riva, chi la vede una volta in mezzo al mare e chi non la vede proprio;Non so se mi spiego… Io ho avuto la sensazione di trovarmi nel punto in cui “spegnamo il motore [..] non riusciamo a dirlo e non riusciamo a farlo” .In un certo senso ho avuto la sensazione di essere trascinata dalle decisioni che avevo preso molto tempo prima.Sono rimasta li supina a farmi trasportare per circa un anno, poi non so, una sensazione,consapevolezza,qualcosa. Adesso remo (sperando che la boa non fosse una sirena! ahahha) E per chi se lo stia chiedendo: NO, non mi drogo . =P

  4. elisa venerdì 1 ottobre 2010 alle 6:36 pm

    ci sono cose che puoi decidere tu, altre cose che vengono decise per te da cio’ che ti circonda…in effetti sembra tu abbia una missione da compiere, ma non sai qual’è la missione…ma chi dice ce ne sia una? hai scelto di andare in giappone, ora ci sei, hai visto, lo vivi ogni giorno…chi dice che ci sia per forza un qualcos’altro da fare? ora devi solo ascoltare te stesso e capire cosa vuoi veramente dalla vita, se la carriera sfrenata o anche una famiglia, e dove vuoi stare…poi con calma potrai decidere dove andare o dove ti porta il cuore…o forse ti fai troppi pensieri…

  5. Lucia venerdì 1 ottobre 2010 alle 10:12 pm

    Ah gli umani dubbi e le terrene inquietudini…A rigore di logica, visto che in Australia è stato magnifico, il Giappone non può essere abbandonato, questione di vincere o perdere la sfida 😀
    PS: il pacco è giunto a destinazione. Questo messaggio si autodistruggerà fra 10 secondi..9..8..
    Lu di Zebuk

  6. talon sabato 2 ottobre 2010 alle 5:19 am

    dovresti mettere il tuo coinquilino tra i pro dell’Australia…
    Non è vero che non fai nulla, che non pensi, che non scrivi, fai il salary man, e ti sei adattato a tutti gli altri. Mantieni il basso profilo, è una vacanza del tuo cervello

  7. Akanishi au Québec domenica 3 ottobre 2010 alle 11:37 am

    “La seconda che hai detto”

  8. Zeta venerdì 8 ottobre 2010 alle 6:48 am

    In questi ultimi giorni mi sono letto un pò il tuo blog.Mi piace,e devo dire che alcuni post sono proprio da standing ovation!! =)
    Cmq riesco a capire cosa intendi…ultimamente mi sento anch’io cosi,mi chiedo anch’io se ” Accettare la propria natura, supinamente, farsene una ragione e vivere in pace con se stessi, lasciare che la corrente ci trasporti dove eravamo destinati a finire, sin dall’inizio? Oppure combattere per un sogno, fottercene della nostra natura piu’ intima, cambiare, sbilanciarci, remare a mani nude controcorrente, intestarditi nel dirci che siamo noi i padroni del nostro destino?”
    Mi hanno offerto un lavoro in Giappone,mi piacerebbe vivere a Tokyo,ma…

  9. GiosinoSPS sabato 9 ottobre 2010 alle 12:49 am

    La cosa più importante è che tu decida cosa fare, ed ancora più importante che tu lo desideri!
    La cosa più brutta è fare le cose senza il reale desiderio. In questi casi io non farei nulla, me ne starei al mio posto, e sottolineo mio. Fare qualcosa che sia il desiderio di un altro è la cosa peggiore. Un amico mio mi diceva sempre “chi segue gli altri, non arriva mai primo”.
    Per come ti senti adesso, ti dico che la causa è probabilmente il giappone proprio. Io pure mi sentivo così. Una bella routine, in cui non ti devi preoccupare di niente, in cui pare che fai tante cose fantasmafigherrime, ma che poi non ti danno il senso di andare da qualche parte. Come girare velocissimamente, ma in tondo. Statt accort..

  10. formichina mercoledì 27 ottobre 2010 alle 9:43 pm

    sei riuscito ad esprimere un po’ come mi sento io, con la differenza che il mio futuro dipende da quello che io produco oggi, che al momento è molto vicino allo 0.
    sono molto d’accordo con chi ha commentato prima di me: è proprio vero che la cosa più brutta è fare le cose senza il reale desiderio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: