Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Vi aspettavo al varco

“E quindi, che fare? Accettare la propria natura, supinamente, farsene una ragione e vivere in pace con se stessi, lasciare che la corrente ci trasporti dove eravamo destinati a finire, sin dall’inizio? Oppure combattere per un sogno, fottercene della nostra natura piu’ intima, cambiare, sbilanciarci, remare a mani nude controcorrente, intestarditi nel dirci che siamo noi i padroni del nostro destino?”

Bella la favoletta del try hard, del ganbatte, del cambiare, remare a mani nude contro la corrente. Fa tanto uomo padrone del suo destino.

Ma il mare in cui si rema non e’ la vita, il destino, gli eventi. Io stavo parlando di seguire la propria natura o andarci contro. E’ quello che fanno in molti, nel momento del dubbio: seguono quello che “vorrebbero essere” in nome dell’ autodeterminazione, con la scusa di andare contro al proprio destino, e nel frattempo dimenticano di controllare quello che sono in realta’.

Secondo quelli che mi dicono che no, bisogna fregarsene della propria natura piu’ intima e operare di sola ostinazione dico: vi portera’ mai alla felicita’ tutto cio’? Non e’ molto piu’ semplice accettare semplicemente se stessi?

Un po’ come fanno certi omosessuali dopo un certo percorso emotivo, accettano semplicemente se stessi e la smettono di lottare contro la loro natura. E trovano la pace (parlo in generale, eh). Perche’ non dovrei seguire anch’io la mia natura, perche’ dovrei lottare contro i mulini a vento? Sarebbe come cercare la soluzione di tutto al di fuori di me, quando invece devo solo trovare, dentro, quello che voglio essere. E farlo, a prescindere da tutte le costrizioni esterne (laurea, carriera, famiglia, benpensanti, eccetera).

Volete altri esempi di gente che si interstadisce per “voler essere” qualcosa senza accettare quello che e’ in realta’? Andate a farvi un giro nelle aulee del primo anno, primo semestre di ingegneria. Troverete percentuali non indifferenti di persone che si sono iscritte li’ con l’idea di voler raggiungere una buona posizione nel mondo del lavoro, un domani… dimenticando il dettaglio che odiano i numeri, che non ci capiscono, che non sono portati.
Anche quando alcuni di questi dovesse con grandi sforzi raggiungere una sudata laurea, c’e’ da chiedersi, sarebbero felici di quello che fanno? Sarebbero dei buoni ingegneri? Avrebbero passione per il loro lavoro? L’ingegneria e’ un lavoro che per il 5% del tempo e’ la cosa piu’ interessante al mondo, e per il 95% una noia mortale di documenti, scartoffie, codice da scrivere, riunioni, ripetizioni di cose gia’ fatte, test, monkey job, whatever. Uno che non e’ nato per farlo, potrebbe raggiungere lo status di Dott. Ing? Certo. Sarebbe la cosa giusta per lui? Bah. Sarebbe felice? Probabilmente no. E quindi: perche’ remare contro la corrente?

Ora, vi chiederete, di cosa sto parlando, e soprattutto, dove volevo arrivare? Boh, dicevo cosi’ per dire. Tanto per fare un post pour parler.

Annunci

4 risposte a “Vi aspettavo al varco

  1. Laura domenica 3 ottobre 2010 alle 7:30 pm

    “Est modus in rebus” =P nella maggiornaza dei casi; L’esempio omesessuali mi sembra incompatibile con quello dei novelli ingegneri, son due cose diverse…

  2. Anna domenica 3 ottobre 2010 alle 11:45 pm

    Per me questo dilemma non è neppure un dilemma. Il remare contro la propria natura, tutto ciò che è il fare solo per il fare, è un’invenzione della società. Ok, devi lavorare perchè se non lavori non campi. Ma allora dico io, tanto vale scegliere il male peggiore: fai un lavoro che ti piaccia. Io sono per il ‘scegli ciò che ti rende felice’ a qualsiasi costo, di vita ce n’è una (ancora non mi sono convertita al buddismo) e l’unica cosa furba da fare è viversela al meglio. Si lavora per vivere, non si vive per lavorare.

  3. Akanishi au Québec lunedì 4 ottobre 2010 alle 12:06 am

    ma allora… ma allora… è vero che sei 54% gay??? 😛

  4. Stila lunedì 4 ottobre 2010 alle 1:34 am

    “accetta quello che non puoi cambiare e raccogli il coraggio per cambiare quello che puoi”..odio le frasi fatte, ma questa mi piace. Forse c’entra anche un po’ con quello che stai dicendo.
    Sempre interessante leggere questo blog, ti visito sempre volentieri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: