Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Due di Picche Social Club

Avete presente no, quando ci si innamora non corrisposti e ci si fa del male per anni nella speranza di conquistare una persona che non ci caga non dico di striscio, ma di un cazzo proprio?

Avete presente quando si idealizza la persona amata e si pensa che si potrebbe essere felici solo con lei, e si e’ convinti che lei potrebbe essere felice solo con noi, anche se e’ gia’ la terza volta che cambia partner e quella di dare una chance a noi e’ un’idea che (autocitazione dal mio romanzo) non le e’ passata manco per la sala d’aspetto dell’anticamera del cervello?

Avete presente poi quando si dice alla persona amata che in realta’ non e’ veramente innamorata del suo partner attuale e lei invece fa spallucce e dice no, non e’ vero, in realta’ col mio partner attuale sto benissimo, e noi non ci si crede a questa cosa, si pensa che no, si sta sbagliando, in realta’ non l’ama davvero. In realta’ ama noi, ma non riesce ad ammetterlo. O a capirlo.

E avete presente poi quando non importa quante ne avete subite o quante volte vi siete umiliati, o quanti bocconi amari avete dovuto ingoiare, o lacrime versare, o continenti mari fiumi attraversare. Ma capita che un bel giorno vi svegliate, senz’altra ragione se non perche’ era giunto il tempo, e scoprite che come per magia non siete piu’ innamorati? E vi guardate indietro e dite azz’ pero’, quanto tempo ho perso dietro a…

E avete presente quando arrivate a dire “dietro a…” e vi fermate, perplessi, a pensare ma boh, chissa’ cosa ci trovavo in quella persona. E ripercorrete gli ultimi anni, pensando a tutte le umiliazioni subite, i moccoli retti, gli abbracci non corrisposti, a tutte le volte in cui era ovvio che non eravate ricambiati, e a tutte le uscite in cui pensavate di essere di fronte ad una persona unica, meravigliosa…
…E invece tutt’a un tratto non vi dice piu’ assolutamente nulla di nulla, farcito di nulla? E vi rendete conto che quando uscivate eravate sempre voi a parlare, sempre voi quello brillante dei due, eravate voi “quello speciale”, quello che rendeva quelle uscite tanto uniche? E che se c’era uno che si sarebbe dovuto innamorare quello era l’altra persona, non voi, perche’ voi in quei momenti eravate brillanti e irripetibili e vivi e felici e dolci e pronti a fare pazzie, e a far passare all’altra persona dei momenti speciali?

A questo punto vi rendete conto che era tutto cosi’ fico proprio perche’ voi eravate innamorati e stavate facendo i salti mortali per amore. Quell’essere tutto cosi’ perfetto, quella sintonia tra voi due non significava come credevate voi che eravate fatti l’uno per l’altra: ma vi veniva da dentro, era il vostro cuore / cervello / uccel… ehm impazzito che vi stava ingannando. Perche’ l’altra persona invece era solamente una di passaggio, una persona tutto sommato mediocre – si certo per carita’ un bel faccino, ma comunque una persona qualunque. Qualsiasi. Proprio come vi dicevano i vostri amici.
Avete presente queste situazioni, che sicuramente almeno una volta sono capitate a tutti, Brad Pitt e Angelina Jolie compresi?

Ecco. Niente, prima ci stavo pensando e ho rimbalzato la cosa nel blog. No, perche’ una di queste persone mi ha messaggiato guarda caso stamattina, e mi ha scritto una cosa talmente banale, ma talmente banale… che ora che non ho piu’ le fette di San Daniele sugli occhi mi chiedo, ma come ho potuto pensare di mettermi con un’inutile bambola gonfiabile formato umano del genere? Una cosi’ senza cervello da poterci scommettere 50 euro che non sa dire la tabellina del 3 senza impappinarsi? Una che non sa chi e’ e non sa dove va, e non sa cosa vuole, e probabilmente non vuole altro che vivere un’inutile vita piatta da persona piatta qual e’? Come ho potuto pensare di avere un futuro con una cosi’? (Azzardiamo la risposta: Forse perche’ ha il culo piu’ bello di Tokyo?)

Morale: Si, caro albino, gran culo e’ vero, ma come si dice in Veneto, ga na testa che no la magna gnanca i porsei… cosa pensavi, di farle da maestro di vita per il resto della tua vita? E di non incazzarti mai per la sua mancanza di materia grigia, vivere solo d’amore cieco e incondizionato per sempre? (Azzardiamo, ma neanche tanto, la risposta: Si, ci pensavi. O meglio, non pensavi).

Che fuori pero’, la vita.

Annunci

3 risposte a “Due di Picche Social Club

  1. ces giovedì 16 dicembre 2010 alle 5:37 pm

    “Cosa pensavi, di farle da maestro di vita per il resto della tua vita? E di non incazzarti mai per la sua mancanza di materia grigia, vivere solo d’amore cieco e incondizionato per sempre?”
    Aiutami. Mi trovo in questa situazione.
    Il fatto è che godo anche un po’ nel farle il maestrino; sono senza speranza.

  2. Laura giovedì 16 dicembre 2010 alle 6:11 pm

    Ahah la vignetta è troppo simpatica! A me per fortuna questa cosa non è mai capitata, ma visto che non si sa mai tocchiamo ferro per il futuro eheheh.
    In compenso quando dici

    “A questo punto vi rendete conto che era tutto cosi’ fico proprio perche’ voi eravate innamorati e stavate facendo i salti mortali per amore”.

    mi rivedo in pieno…anni fa.

  3. elisa giovedì 16 dicembre 2010 alle 10:38 pm

    parole sante…se è quella che penso io, avevi il san daniele sugli occhi…ma tutti le abbiamo, per amore, per orgoglio o non so per cosa…quante volte tu stesso hai cercato di togliere le mie senza riuscirci? eppure se guardo indietro capisco e mi rendo conto di molte cose…è la vita…belli i porcelli!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: