Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Massonis Causa

Ho letto alcune dichiarazioni di Nicole Minetti e ci sono rimasto un po’ cosi’. La tipa si difende dagli attacchi ricordandoci con insistenza ogni due o tre frasi di essere “laureata col massimo dei voti”. Questo e’ un esempio lampante di Berlusconismo, fateci caso. Marketing allo stato puro: si martella incessantemente su supposti “pregi” di un prodotto, si nascondono le pecche sotto il tappeto, si svia l’attenzione, si sminuisce la concorrenza, si urla al complotto. Un’iperbole della comunicazione che parte dalle televendite Eminflex e arriva a Wanna Marchi.
Cioe’, gente. Qui stiamo parlando di una venticinquenne senza esperienza che ha avuto il solo merito di conoscere il presidente del consiglio al San Raffaele durante l’incidente del duomo in faccia. La tipa puo’ essere descritta da quattro elementi: una laurea triennale in igienista dentale, un bel faccino, due gran tettone e una tendenza a parlare in maniera orrenda al telefono, sia dal punto di vista lessicale (briffare e’ proprio una cafonata, non si puo’ sentire. Ce la dice lunga sul livello della persona), sia da quello del numero impressionante di parolacce che riescono ad uscire da quella bocca.

Ed e’ qui l’iperbole: alla gente con un cervello resta da dimostrare fino a che punto una laurea triennale in igiene dentale DA SOLA possa far curriculum per un consigliere regionale (e, se non fosse scoppiato lo scandalo, ci potato scommettere: futuro parlamentare e forse anche ministro), mentre alle menti deboli, a quelli che non si informano ma guardano solo la tv, che cosa resta? Resta la chiamata del premier a Lerner, il quale ha lanciato un messaggio chiaro alla mente debole: Lerner stava diffamando una persona dall’onesta’ cristallina che e’ stata eletta democraticamente a causa dei suoi alti meriti linguistici (!) e di studio. “Laureata con il massimo dei voti” e’ un’immagine che evoca il ricercatore universitario, il fisico nucleare, la mente superiore… e invece, ‘sta troia non e’ altro che un odontotecnico (con tutto il rispetto per la categoria degli odontotecnici, e anche per quella delle troie).

Dove ci portera’ tutto questo? Ve lo dico io dove ci porta: ci porta al 1982, l’anno in cui fu sequestrato il Piano di Rinascita Democratica della P2. Piano che prevedeva la creazione in Italia di un autoritarismo “nascosto” dove la societa’ massonica controlla la massa attraverso i mezzi di comunicazione. Al fine del raggiungimento dell’obiettivo il piano prevedeva alcuni passi obbligatori per preparare da una parte la popolazione civile, e dall’altra per piegare la costituzione e gli organi di controllo (copio da wikipedia):

1) La nascita di due partiti “l’uno, sulla sinistra (a cavallo fra PSI-PSDI-PRI-Liberali di sinistra e DC di sinistra), e l’altra sulla destra (a cavallo fra DC conservatori, liberali e democratici della Destra Nazionale).” allo scopo di semplificare il panorama politico. Questi, a trent’anni di distanza, coinciderebbero rispettivamente con il Partito Democratico ed il Popolo delle Libertà. Il sospetto potrebbe trovare fondamento nel fatto che il leader del secondo partito, Silvio Berlusconi, era iscritto alla P2, nonché nella presenza di diversi piduisti in entrambe le formazioni politiche, sebbene la spinta propulsiva al cambiamento abbia avuto origine nel primo partito.
2) Controllo dei media. Il piano prevedeva il controllo di quotidiani e la liberalizzazione delle emittenti televisive (all’epoca permesse solo a livello regionale) allo scopo di controllarle, e in questo modo influenzare l’opinione pubblica; nonché l’abolizione del monopolio della RAI e la sua privatizzazione. Prima della scoperta della loggia questo aspetto era giunto a realizzazione con il controllo dei principali quotidiani e l’acquisizione di telemilano58 (poi Canale 5). Dopo la scoperta della loggia questo aspetto del piano sembra sia portato avanti dall’iscritto Silvio Berlusconi che ha acquisito altri due canali televisivi e allo stato attuale controlla direttamente o indirettamente alcune testate giornalistiche e la RAI.
3) Progetto Bicamerale del 1997 (Commissione parlamentare per le riforme costituzionali).”ripartizione di fatto, di competenze fra le due Camere (funzione politica alla Camera e funzione economica al Senato)” che coinvolse principalmente Massimo D’Alema e Silvio Berlusconi, appunto i leader dei due maggiori schieramenti.
4) Riforma della magistratura: divisione tra ruolo del P.M. e del magistrato, responsabilità del CSM nei confronti del parlamento. Tema nell’agenda politica dalla fine della Prima Repubblica e tuttora attuale. Si osserva che introdurre la responsabilità del CSM nei confronti del parlamento sarebbe tecnicamente una subordinazione del potere giudiziario al potere legislativo, e quindi verrebbe meno la separazione dei poteri. La modifica, infatti, necessiterebbe di una riforma costituzionale.
5) Riduzione del numero dei parlamentari
6) Abolizione delle province.
Trova corrispondenza nel programma elettorale di Forza Italia del 1994, 2001 e del Popolo delle Libertà del 2008, limitatamente alle province al cui interno vi sono “città metropolitane”; ma anche nel programma del Partito Democratico sempre per le elezioni del 2008.
7) Abolizione della validità legale dei titoli di studio. Nel programma di Forza Italia del 1994.

A prescindere dalle analogie, viene da pensare. Il controllo dei media, i due partiti piu’ facili da controllare, l’indebolimento delle camere tramite divisione di competenze e riduzione dei parlamentari, eccetera. Penso a quello che ripete Grillo da anni ormai, dicendo che “destra e sinistra sono uguali“. Penso a tutti gli iscritti alla P2 che stanno sia da una parte sia dall’altra, sia alle stanze di comando degli apparati civili e militari. Penso a Masi che chiama Santoro e gli dice che si dissocia ancor prima di aver visto la puntata; penso a Signorini che fa una trasmissione da ipnosi, da lavaggio del cervello. Penso all’Italia tifosa, incapace di ragionare, all’Italia focosa di destra che perdona tutto a Berlusconi in nome dell’eterno “senno’ vanno su i comunisti“. All’Italia della FIOM ferma a cinquant’anni fa, alla lotta per corporazione e non per aiutare l’operaio. All’Italia che e’ impaurita come la Juve, alla gente che non sa a chi credere. Penso a una sinistra buona, ad una sinistra obamiana che cerca di emergere dalle ceneri del vecchio, ma come si fa se i fili sono sempre tirati dai soliti D’Alema, Fassino, Veltroni? Penso alle primarie del PD a Napoli, dove il voto di scambio ha vinto un’altra volta. Penso all’Italiano medio che non ce la fa piu’ ed esasperato dice “ci vorrebbe un colpo di stato”, come se il colpo di stato ci mettesse in mani migliori.

E mi chiedo. Questo capovolgimento continuo della realta’, questo scontro continuo a chi giova? E soprattutto, a chi conviene di saperci cosi’ distratti a parlare sempre e comunque d’altro? Siamo cosi’ sicuri che sia solo Berlusconi quello che manovra tutto? O c’e’ di piu’?

Annunci

22 risposte a “Massonis Causa

  1. Akanishi au Québec lunedì 31 gennaio 2011 alle 1:07 pm

    Licio Gelli aveva anche lui fiducia in Berlusconi e aveva dichiarato che riteneva che B potesse realizzare il suo “piano di rinascita democratica”. Ultimamente però ha un po’ preso le distanze e l’ha criticato, se non ricordo male gli ha rinfacciato di circondarsi di incompetenti e di servi.

    Cosa c’è dietro/chi c’è dietro? mah. chi dice che sono stati gli americani a montare lo scandalo sessuale (in effetti rientra nella loro mentalità screditare sulla base di vizi privati) per liberarsi del “portavoce di Putin”, e che Fini sia il loro uomo.

    In questi casi non penso mai che ci sia un disegno intelligente monolitico. ci saranno delle forze in campo, magari contrastanti, e altre nelle retrovie, pronte a cogliere i frutti…

  2. goguz88 lunedì 31 gennaio 2011 alle 4:34 pm

    concordo su tutto :S Berlusconi si è tanto affannato a dire che questa Minetti è laureata con 110, madrelingua inglese e bla bla.. si ma perchè non ha detto in cosa è laureata? perchè avrebbero riso tutti in studio! cn tutto il rispetto per chi studia quella materia, ma come dici tu “fino a che punto una igienista dentale può essere adatta per un ruolo in regione?” allora mettiamoci anche un veterinario, un tecnico del suono, e perchè no un laureato in musicologia.
    (con tutto il rispetto per coloro che studiano queste materie)
    come finirà?
    un mio amico l’altro giorno fa che aspetta solo che qualcuno per disperazione si bruci davanti al parlamento.. spero che l’Italia non debba arrivare a queste situazioni… speriamo..

    • albino lunedì 31 gennaio 2011 alle 5:22 pm

      Beh ma Goguz chi l’ha detto che uno per fare il politico non possa essere igienista dentale, o veterinario? Mica bisogna per forza essere avvocati o ingegneri! Però non mi si venga a dire che la laurea in igiene dentale sia un requisito fondamentale o sia motivo di vantaggio su altri possibili candidati, come si lascia intendere… Questo è l’inghippo!

      • Laura lunedì 31 gennaio 2011 alle 7:00 pm

        Per me puoi essere laureato in quello che vuoi se poi ti dimostri in qualche modo competente.Certo che se ti laurei in medicina e fai lo pseudo-ministro della semplificazione (tanto per dirne uno) un attimo di dubbio mi viene.

        “Ahi serva Italia, di dolore ostello,
        nave senza nocchiere in gran tempesta,
        non donna di province ma bordello!!”

        😛

    • um lunedì 31 gennaio 2011 alle 8:44 pm

      Ma poi, correggetemi se sbaglio, se questa poveraccia avesse una cultura/dimostrasse competenze/dimostrasse professionalità pari a quelle che ci si aspetta da qualcuno con un titolo di studio sensato e con esperienze tali da giustificare il ruolo che questa riveste, sarebbe stato necessario dire che era laureata col massimo dei voti??

  3. Fulvio lunedì 31 gennaio 2011 alle 6:11 pm

    Ciao come al solito post interessantissimo e ben scritto.
    Normalmente non riesco a leggere post chilometrici nei blog, invece il tuo modo di scrivere mi piace molto e non annoia, a prescindere da quello che dici.
    Riguardo all’amico qui sopra….
    mi dispiace che tu mischi igienista dentale e tecnico del suono con il mestiere del veterinario (che io faccio)
    La laurea in medicina veterinaria richiede 5 anni (è una laurea magistrale) previo test d’ingresso molto selettivo, un tirocinio e un esame di stato/abilitazione, esattamente come gli ingegneri/avvocati/medici umani (i medici fanno 6 anni) e viene da molti indicata come una delle facoltà scientifiche più difficili.
    Giusto per precisare…
    saluti

  4. Lo'oris lunedì 31 gennaio 2011 alle 7:33 pm

    Ci sono sicuramente molte forze in campo, e berlusconi certo non manovra tutto, anzi! Probabilmente non manovra proprio niente: è una figura estremamente carismatica e… basta. Non è che abbia altre qualità, non credo sia in grado di fare piani, strategie o chissà cosa. Lui parla, la gente lo ascolta; mente a ruota libera con la stessa facilità con cui respira, e la gente lo ascolta ugualmente. Bom, il suo lo fa, fine.

  5. um lunedì 31 gennaio 2011 alle 8:35 pm

    La cosa che mi ha più intristito è stato quel “madrelingua inglese”, nel 2010 sapere l’inglese viene ancora considerato un elemento di distinzione…tsk, possibile solo nel paese delle tre i. Cos’erano? Inglese, Informatica e fottuti Idioti?

  6. kamamuri lunedì 31 gennaio 2011 alle 8:43 pm

    Lieto di vedere che inizi ad aprire gli occhi su SB. Il problema ora è: quanti berlusconiani entusiasti come te hanno finalmente capito che fare mercato di qualsiasi cosa NON è una soluzione? Che il rispetto di alcuni valori, come ad es. la legalità, non è una cosa da coglioni ma è imprescindibile in un paese civile? E quanto ci vorrà per capire che anche il leghismo con suo fascismo neanche tanto strisciante non ci porta da nessuna parte?
    Spero che questo porti qualcuno a farsi un esamino di coscienza e a finirla di pensare di avere sempre ragione solo perché abbaia insieme al cane più grosso.

    • albino lunedì 31 gennaio 2011 alle 11:23 pm

      Pochi Kama, pochi. E un esame di coscienza simile serve pure a sinistra, mi sa. Il fatto e’ che serve uscire dai giochi, dagli schemi, dai partiti presi (nel vero senso della parola) per capire quello che fa e che non va.

      • ivabellini lunedì 31 gennaio 2011 alle 11:42 pm

        secondo me non è tanto questione di dx o di sx ma la questione è che da quando l euro ha tolto di mezzo la lira, c è una parte degli italiani che ha deciso di metterlo in culo in modo definitivo all altra parte…io direi che questa parte c è riuscita abbastanza bene….ora sta partendo la stoccata finale con i Marchionne boys…hehe! e le teste di….come il sindaco di Firenze, c è sempre stata la tendenza sodomitica sociale in Italia (il paese del vaffanculo no!?….come impara a dire Anita Ekberg nella “Dolce vita” del 1960) bene…ora il buchetto dell altra parte è ben dilatato per completare l opera! una bella rincorsa e ZAC!!!

        • albino martedì 1 febbraio 2011 alle 7:07 am

          Lol non ho capito una sola parola di quello che vuoi dire XD

          Solo che non ti piace Marchionne ne’ il sindaco di Firenze (esattamente il contrario di quello che penso io)… Ivano, sei un FIOM pure tu per caso? ;D

          • Akanishi au Québec martedì 1 febbraio 2011 alle 9:42 am

            a parte le fini metafore di Ivabellini, te lo spiego io: quando c’è stato il passaggio all’Euro, il Berlusca era fresco di vittoria, e il ceto che rappresentava (il cosiddetto ceto medio produttivo, commercianti, lav. autonomi, professionisti, piccoli imprenditori etc) si è sentito al sicuro, hanno capito che il pericolo rosso era scongiurato ed erano loro ad avere il coltello dalla parte del manico.
            Hanno aumentato i prezzi a man salva, quanto bastava, la famosa pizza che è passata da 7mila lire a 5 € per fare l’esempio, e il potere d’acquisto dell’italiano medio è crollato (questi sono dati eh).
            C’e stato in Italia negli ultimi anni un travaso di ricchezza dal Salario (dipendente) al Profitto (e anche questi sono dati).

            Perché questo sia avvenuto è motivo di dibattito, ma questo è stato. Gli stipendi degli Italiani sono i più bassi dell’OCSE e anche questo è un dato di fatto.

            Non è tutta colpa del Berlusca, ci sarebbe da raccontare, ma certo fatico a capire se Renzi è la nuova sinistra o la nuova destra! mi sa che quello lì è un altro Rutelli!

            • mamoru mercoledì 2 febbraio 2011 alle 2:03 am

              Euro led to price rises, says German minister

              Germany’s finance minister has admitted for the first time that the introduction of euro notes and coins almost five months ago has led to significant price rises across the country and left consumers feeling they are carrying the burden of the transition to the new currency.

              Hans Eichel said that the cost of the changeover from marks to euros had been more expensive for the consumer than the government had expected, particularly in the areas of food and the service industries.

              “We relied too much on the fact that retailers would police themselves and that was possibly a mistake,” he said at a recent meeting of executives of the leading social democratic party, according to Spiegel magazine.

              # The Guardian, Monday 13 May 2002 02.09 BST

          • ivabellini martedì 1 febbraio 2011 alle 5:32 pm

            non capisci evidentemente perchè alcune cose non le vuoi capire 😉
            della fiom so a malapena che è un sindacato e che mi frega poco dei sindacati, Marchionne fa il suo lavoro per gli amici suoi del capitale…tutto regolare da un certo punto di vista, lo stesso dico per il sindaco di Firenze, a te piacciono questi due? be allora preparati a fare una delle seguenti cose:
            1-comprati un paio di mutande di lamiera
            2-preparati a mangiare alla loro tavola, a meno che tu non ti sia già servito.

      • Akanishi au Québec martedì 1 febbraio 2011 alle 8:10 am

        prima di voltar pagina, diceva quello, bisogna leggerla. Caro il mio Thatcheriano-Reaganiano, mi piacerebbe che scrivessi un bel post dove ci spieghi che cosa detest[ast]i tanto dei rossi (beninteso la sinistra italiana PCI-PDS-DS-PD-Rifonda-etc-etc, non il “comunismo” ), e che ti spinse a turarti il naso per tanti anni?

        • mamoru mercoledì 2 febbraio 2011 alle 1:28 am

          (primo e spero ultimo intervento di carattere politico)

          1- La supremazia culturale, l’idea che “gli altri” non capiscano un c***o a prescindere, che siano indottrinati e che la propria parte sia quella “illuminata”/ “risvegliata”, scevra da condizionamenti
          2- La retorica pura e nessuna soluzione concreta ai problemi. La mancanza di professionalita’ / competenze al di la’ della parlantina (gente come il sindaco di FI gli sta sulle balle perche’ e’ la nemesi dei burocrati di partito)
          3- L’antagonismo sociale fine a se stesso (probabilmente conseguenza di 2) e per tornaconto elettoralistico
          4- Gente come Giulietto Chiesa con le sue fantastiche teorie del complotto e di abissale ignoranza.
          5- La contestazione ad hominem (e.g. l’antiamericanismo tout court) che porta a non ragionare sulle cose e a non confrontarsi con le idee altrui (e.i. “siccome l’ha detto tizio che e’ di destra allora e’ una cagata, c’e’ dietro altro etc..”)
          6- Il riflesso pavloniano di etichettare chi non la pensa allo stesso modo come “di destra” (poi non c’e’ una vera identita’ “di sx”, ma fa niente)
          7- Il pensare che lo stato invasivo e le tasse siano, in fondo, la soluzione a tutti i problemi
          8- Quelli di cui al punto 1 che ancora difendono baffino & c. con la sua barchetta e l’appartamento delle case popolari preso per 2 lire, senza accorgersi che sono sullo stesso piano della controparte che tanto contestano (ah… la questione morale)
          9- Si chiede giustizia sociale e meritocrazia e non si ha il coraggio di dire e mettere in pratica:
          – l’uguaglianza si fa con politiche di pari opportunita’ in partenza ed aprendo i mercati, smantellando le corporazioni e gli ordini professionali vari (negli anni 90 se ne sono riempiti la bocca in tanti senza concretizzare nulla).
          – chi non merita, chi si non si impegna e’ giusto che guadagni di meno a prescindere dallo status di partenza
          – se qualcuno si deve prendere un calcio nel culo perche’ non fa’ il proprio dovere o perche’ si comporta male e’ sacrosanto darglielo per rispetto verso chi si comporta bene e per il cardine dello stato di diritto: la legalita’.
          Invece prevale il buonismo becero poiche’ tutti “tengono famiglia” e cosi’ non si fa altro che umiliare i deboli a favore dei furbi e giustificare l’appiattimento verso il basso indiscriminato di istruzione, redditi etc..

          Ma soprattutto, in virtu’ dei punti di cui sopra, hanno consegnato il paese a BS e finche’ non si scrolleranno di dosso quella cancrena di gente senza idee, salottiera e brioscista, BS rimmarra’ in sella ancora per molto tempo.

          Perche’ la realta’ e’ questa: Bs governa principalmente per manifesta altrui incompetenza. E finche ci si ostinera’ a negarlo senza cambiare registro la situazione non cambiera’.

          PS lo dico da ex tesserato ed ex militante del piu’ grande partito della sx italiana e ormai sono anni che non vado piu’ nemmeno a votare….

          PS2 Pensare che ci sia una sola grande regia dietro agli avvenimenti politici e’ un pensiero semplice, che soddisfa gli animi, ma significa anche attribuire (implicitamente) ad una classe politica palesemente incompetente (ed ignorante) una intelligenza ed una astuzia che francamente non mi sentirei di dargli.
          Per me vale sempre la regola del demerito altrui che ho esposto sopra, in fondo questi sono gli stessi che si circondano di idioti per paura di venire estromessi da uno piu’ furbo di loro (e in questo modo attuano una sorta di selezione naturale inversa).

  7. Pingback:Massonis Causa | Politica Italiana

  8. Daniele martedì 1 febbraio 2011 alle 7:34 am

    quando tempo fa scoprii cos’era la P2 (dato che a scuola certe robe non te le insegnano) non ci potevo credere, pareva roba da film di fantascienza…
    Eppure era tutto vero, lo vediamo ogni giorno avverarsi sempre di più!
    Per chi fosse interessato, si veda il video di Cuore Nero dei Punkreas… gran bella canzone

  9. elisa mercoledì 2 febbraio 2011 alle 9:24 pm

    che dire di piu’ di quanto scritto se non albi che oltre alla laurea, madrelingua inglese, tette grosse, ha anche un dono alla labbra…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: