Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Tokyo Blues, quando la Bolla

Una cosa molto interessante che uno scopre quando ha a che fare con i giapponesi da un po’ di tempo sono i dettagli nei racconti dell’infanzia. Nelle occasioni del ricordo emerge il Giappone della grande bolla economica, quando l’economia cresceva a due cifre e il paese sembrava poter conquistare il mondo, un po’ come la Cina di oggi (la quale speriamo tutti faccia la stessa fine as soon as possible)..

Partirei con un esempio. Chiedo ai lettori nati negli anni ’70 come me: voi ve la ricordate la TV in bianco e nero, vero? Io sono del ’76 e me la ricordo molto bene. Ero piccolo ma neanche tanto quando abbiamo cambiato la TV in salotto dal bianco e nero (senza telecomando, quelle coi bottoni da schiacciare) con una a colori, con telecomando. Quella in cucina invece e’ rimasta in bianco e nero per qualche altro anno ancora. Ricordo che guardavo Lamu’ in bianco e nero in cucina, per cui dev’essere stato fino addirittura all’’84 o giu’ di li’.
Beh, provate a parlare con i giapponesi di TV in bianco e nero: se ne ricordano quelli che hanno dai 40 anni in su, mentre quelli degli anni ’70 come me ti guardano con una faccia che di bocca dice “no, mai avuta in casa” mentre di occhi dice “italiani, terzo mondo. Tsk.

Ma era il tempo della bolla, no? Andando a spulciare in rete viene fuori che nel marzo del 1966 il segnale TV a colori era disponibile nel 93% del territorio giapponese, mentre la NHK (la loro TV pubblica) ha iniziato a trasmettere tutto a colori nell’ottobre del ’71, abbandonando di fatto il bianco e nero che ormai era obsoleto (per loro). Nel marzo del 1966, per dire, i miei avevano 15 anni e credo andassero ancora a vedere la TV al bar del paese. Nel ’66 l’uomo non era ancora andato sulla luna, e i giappi gia’ trasmettevano a colori al 93% del territorio (che, lo ricordiamo, non significa che il 93% avesse la TV a colori, ma intanto chi voleva se la poteva comprare).
Abbiamo citato solo un esempio, ma il Giappone della bolla e’ molto altro. Quando ne parlano da queste parti lo fanno sempre con un velo di malinconia, forse anche un po’ ingigantito, mitizzato, chi lo sa. Parlano dell’epoca in cui tutti prendevano il taxi, una cosa che deve essergli stata particolarmente a cuore visto che i taxi giapponesi mantengono ancora oggi la forma dell’epoca, che poi e’ praticamente quella della FIAT 131. E’ l’epoca del boom del karaoke, l’epoca dei bar e delle hostess, l’epoca in cui il salaryman spendeva per andare a mangiare a pranzo quanto un impiegato italiano guadagnava in un mese (fonte: calcoli di albino con l’aggiunta di una piccola dose di “per sentito dire”. Insomma, fidatevi), quindi fatevi due conti e pensate quanto poteva arrivare a sputtanarsi a giappine! (le quali tra parentesi ancora oggi ci sfoggiano questi triangoloni di pelo, memoria nostalgica di un tempo che non c’e’ piu’?)

Il ricordo della bolla e’ una cosa strana. E’ qualcosa che aleggia nell’aria, qualcosa di impalpabile che si materializza a volte nei vecchi casermoni di cemento di Tokyo. E’ uno stile architettonico che si ripete nel moderno, che crea questo effetto strano per cui a volte vedi dei palazzi nuovi, ma sembrano ancora degli anni ’60, un po’ come i taxi che conservano il design della Prinz anche se magari sono nuovi di zecca e dentro hanno i GPS da ottocentocinquantaquattro pollici.
Un’altra cosa che succede quando si parla di quegli anni coi giapponesi e’ che ci si sente vecchi. Piu’ vecchi di loro. Noi degli anni ’70 ci ricordiamo Mazinga e Goldrake, ma se parliamo con un nostro coetaneo giapponese veniamo liquidati sempre da “non lo so, li guardava mio padre quelli”. Gia’, perche’ loro negli anni ’70 guardavano gia’ quelli degli anni ’80, come nella barzelletta di Berlusconi che dice al figlio di quattro anni “alla tua eta’ io ne avevo gia’ cinque”. Ed e’ stato cosi’ per tutto, in quell’epoca. A sentir loro erano ricchi, felici, senza nessun problema che li potesse preoccupare. Fino al giorno in cui qualcosa si e’ rotto.

E’ un passato che sembrano voler superare ma che non riescono a dimenticare, un po’ come un innamorato ferito che trascina il suo cuore infranto per anni (e sovente spacca il cazzo agli amici). Ma per noi italiani e’ diverso: sara’ che il nostro boom economico e’ stato molto piu’ modesto, sara’ che abbiamo ben altri passati da ricordare (e da dimenticare, anche) e ben altri problemi per lasciarci andare a nostalgie, ma noi la nostra Dolce Vita l’abbiamo dimenticata da tempo ormai. Loro, sembra, non ancora. E allora allo straniero viene un po’ la curiosita’ di sapere. Sapere com’erano questi meravigliosi anni del boom, dal dopoguerra fino ai ’70.

Io non so se capiti a tutti o solo a me, ma a girare per la Metropoli Tentacolare ho spesso l’impressione di essere nel momento sbagliato, di vedere qualcosa di grande che in un’epoca passata e’ stato Colossale, qualcosa che ho vissuto solo di striscio come quando ti affanni verso il treno ma sei un minuto in ritardo, arrivi in binario e non c’e’ piu’ nessuno, solo silenzio e la coda di qualcosa che vedi scomparire in lontananza.
E forse, un po’, ho l’impressione di vivere in un’epoca che cerca di copiare qualcosa che non c’e’ piu’. Ancora, e ancora, e ancora.

Annunci

12 risposte a “Tokyo Blues, quando la Bolla

  1. Akanishi au Québec martedì 1 febbraio 2011 alle 12:16 pm

    e’ interessante. Ma credo che saremo anche noi così, quando parleremo con i vostri figli e nipoti. Saremo quelli che hanno visto il boom dei cellulari e dei computer, i viaggi a Sciarmelsceìc, la fuga di cervelli a cercare opportunità migliori, la plastica dappertutto, le discariche e gli inceneritori, le piattaforme di trivellazione, l’invasione della paccottiglia cinese, le strade piene di porche Cayenne, la pubblicità invasiva, lo sciopping come passatempo, i centri commerciali come passatempo (dei palazzinari), i cartoni animati in 3D, la chat e i blog, le tigri e i rinoceronti e i dinosauri, il Grande Fratello, gli USA a far lo sceriffo del mondo e le guerre perdute dei Bush.

    Loro che prenderanno due autobus e un treno per andare a trovare la nonna a Belluno. Loro a cui un telefono rattoppato durerà 15 anni, a cui come Pinocchio un abbecedario costerà un occhio, in città gireranno solo in bici, anche con la pioggia, la doccia se la faranno con l’acqua razionata, rivolteranno i cappotti e li passeranno ai fratelli come ai tempi di mia nonna, la plastica si ricaverà dalla buccia degli anacardi (e costerà come gli anacardi), faranno gli operai tessili per un padrone cinese che ormai non si sforzerà nemmeno di imparare l’italiano, alleveranno ratti in piccoli rattai per arrotondare, Sciarm el Sceic se la sarà rimangiata il deserto, le giappine le vedranno solo in fotografia (a parte le loro madri ovviamente, tutte ex giappine), e soprattutto ci odieranno a morte per aver usato e buttato con noncuranza un sacco di roba che invece allora tornerebbe assai utile!

    e Pier-Pier-Piersilvio Berlusconi non più detto il Cavaliere da quando i cavalli si sono estinti (= sono stati mangiati) trasmetterà la sua propaganda via cavo, ma la si potrà ascoltare solo quando ci sarà abbastanza sole o abbastanza vento. E ripeterà sorridendo che tutto va bene perché c’è lui che tiene a bada i comunisti.

  2. arisio martedì 1 febbraio 2011 alle 5:49 pm

    Yeah, ASAP……..dura che 1,5 Mld di cinesi crollino in fretta, ma una sana bolla edilizia stile giappini di tanto in tanto fa capolino fra i commenti……peccato ci tengano per gli zebedei comprando il nostro debito…..

    A.

    • mamoru mercoledì 2 febbraio 2011 alle 1:53 am

      dipende: se si va in default il creditore deve contrattare al ribasso le proprie pretese.
      Come dire se hai un debito di 50.000 eur con la banca e’ un problema tuo, mentre se hai un debito di 50.000.000 e’ un problema della banca…

  3. mamoru mercoledì 2 febbraio 2011 alle 1:52 am

    E dopo la massoneria….. i commenti neo-malthusiani / millenaristi
    (ma i due autobus e 1 treno a cosa andranno? a pedali???)
    XD

    Ma in verita’ sappiamo che e’ tutta colpa delle scie chimiche e del signoraggio…e maledetto l’euro, si stava meglio con la lira!!!
    Non ci sono piu’ le mezze stagioni, infatti si stava meglio quando si stava peggio.
    LOL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: