Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Silly albino e le ultime dal mondo

Ultime dal Giappone
I meccanicismi assurdi dei giapponesi sono una cosa che non si puo’ spiegare: uno deve vedere con i propri occhi per capire. Sentite l’ultima: io finisco di lavorare il nove giugno, giovedi prossimo, e vado in Italia. Uno pensa: finisci il nove, quindi ti licenzi il nove. Logico.
NO, perche’ in Giappone (figurarsi) non pagano le ferie! E allora, mi son detto, col cavolo che finisco il nove. Siccome posso chiedere fino a dieci giorni, ho posticipato il mio ultimo giorno al ventitre, solo che saro’ in ferie dal nove. In pratica non cambia niente, finisco uguale ma mi intasco mezzo mese di paga in piu’, e il problema e’ risolto. Risolto?
NO, perche’ il trenta giugno e’ il giorno del bonus! Uno dice: vabbe’, il bonus di giugno viene maturato nel periodo lavorativo che va da settembre a marzo. Io quei mesi li ho lavorati, quindi mi spetta. E invece no, perche’ il bonus non te lo pagano se ti sei licenziato, quindi, per dire: se il mio ultimo giorno di lavoro e’ il trenta giugno e’ tutto ok, mentre se e’ prima del ventinove giugno, niente bonus. Zero yen. E allora, non mi e’ rimasto da fare che chiedere cinque giorni di ferie non pagate, che miracolosamente mi hanno pure accordato (stupiti? Anch’io lo ero). Dunque, dal ventitre al trenta non vado al lavoro e non sono pagato, il trenta prendo il bonus e finisce tutto li’. A posto?
NO, perche’ nella mia azienda non si possono pagare porzioni di mese! Io non riesco a capacitarmi di questa cosa: non possono pagarmi fino al ventitre! Quindi, come si e’ risolta la situazione: in giugno prendero’ lo stipendio completo (fino al trenta), e a luglio mi tocchera’ mandare un bonifico alla mia azienda, restituendo la paga di cinque giorni! Pazzesco.
Allora io che ho fatto. Ripresomi dallo shock, con somma ingenuita’ sono andato all’ufficio paghe, e ho chiesto se gentilmente mi tolgono questa pietra dai maroni, scalandomi quei cinque giorni dal totale del bonus. Mi son detto: e’ impossibile che sia tutto cosi’ difficile, ci sara’ pure un minimo di flessibilita’ in questo sistema.
Silly albino: cosa ti aspettavi. La risposta, naturalmente, e’ stata NO.

Ultime dall’Italia
Pensando tra me e me, oggi mi sono messo a ridere da solo. Avete presente i cartelli satirici fatti da spinoza.it su Pisapia? Pensandoci mi e’ venuto un “Pisapia e’ stato sposato da don Seppia”. Non so perche’, ma mi ha fatto ridere tantissimo.
Poi ho aperto le news italiane e ho smesso di ridere. Dichiara la Santanche’: “Silvio non ha mai insultato nessuno in vita sua”.
Da quando ho letto questa frase non riesco a non pensarci. Che senso ha questa persona? Lo sa quello che dice? Lo ha detto apposta? Cosa ci fa in parlamento? Cosa ci fa al mondo?
Ma soprattutto: Dov’e’ che abbiamo sbagliato?

Ultime dall’Australia.
Oggi, a Sydney, 20 gradi di massima e 11 di minima. Freschino, se uno tiene conto che siamo in giugno. Peccato pero’ che giugno li’ corrisponda al nostro dicembre. Che bello, vado a vivere in un posto baciato dal sole, dove se ti licenzi il ventitre ti pagano fino al ventitre, e soprattutto privo della Santanche’. Cio’ mi allieta la giornata.

Annunci

36 risposte a “Silly albino e le ultime dal mondo

  1. arisio venerdì 3 giugno 2011 alle 1:48 pm

    Eh, ce ne sono di persone che non si sa che ci facciano al mondo, il problema e’ che le troviamo spesso nel nostro parlamento…..

    A.

    PS
    Nonostante tutto hai ancora un approccio naif ai giapponesi…..flessibilita’…UAH!UAH!

  2. Max Puliero venerdì 3 giugno 2011 alle 1:59 pm

    ah! i problemi delle aziende abnormi.

  3. Akanishi au Québec venerdì 3 giugno 2011 alle 2:16 pm

    rimpiango la pastorizia nomade

  4. Kiruccia venerdì 3 giugno 2011 alle 2:50 pm

    Non ho ben capito il meccanismo… Quando dicevi che non ti pagano le ferie, intendevi quelle avanzate? Quindi ok… E quando dici che non pagano porzioni di mese? È perché i giorni non retribuiti non concorrono a formare il mese? Cmq, non pensare che in Italia ci sia molta più flessibilità… Soprattutto se uno si licenzia… Apriti cielo!

  5. rob venerdì 3 giugno 2011 alle 4:00 pm

    ‘Dichiara la Santanche’: “Silvio non ha mai insultato nessuno in vita sua’

    ma è perchè silvio non è reale è ipereale un ‘simulacro’ : quindi tutte le prove
    della sua ‘falsita’ sostengono in realta’ il suo essere ipereale (questo è un processo
    tangibile e verificabilissimo -non è filosofia o semiotica o roba cosi’-che si manifesta anche in altri campi …tag:postmoderno ) chi ha creato forzitalia e il personaggio ‘silvio’ è sicuramente un teorico del postmoderno oltre che di marketing…

    • Fermat venerdì 3 giugno 2011 alle 5:56 pm

      Rob, se hai la tessera del PDL
      o ti pagano ti conviene dirlo.

      • rob venerdì 3 giugno 2011 alle 7:20 pm

        potete schiffeggiarlo e vi porgera’ l’altra guancia
        potete ucciderlo e si costruira’ un culto su di lui

        perchè lui è amore e l’amore vincera’ sempre sulla seconda legge della
        termodinamica
        perchè la gente ha bisogno di amore (oltre che di calcio ovviamente)

        ps:se uno non conosce il significato di simulacro c’è sempre wikipedia…
        ps2: il pdl è un fan club non un partito (got it?)

    • Akanishi au Québec sabato 4 giugno 2011 alle 12:09 am

      che sollievo sapere che è solo un ologramma.

      …meno male che Silvio NON c’è!

      • um sabato 4 giugno 2011 alle 12:28 am

        Ologramma? Beh, quello dopo la sua morte fisica, quando una volta rinato come “””intelligenza””” artificiale rifonderà il suo partito.

        Io lo dico già fin da ora, voto Skynet 😛

      • rob sabato 4 giugno 2011 alle 1:26 am

        facciamo un esempio : il (gioco) del calcio è un simulacro della competizione dello scontro della guerra(questo lo riconoscono tutti) pero’
        è una finta (considerate che anche la guerra è/era normata…) nel senso che tutti sono cosapevoli della ‘finzione’ della competizione in corso per buttare piu’ palloni inrete +volte…okay? non di meno meno da questa finzione se siamo tifosi riamaniamo enormemente coivolti anche se razionalmente è solo una sceneggiata della guerra su un prato verde con un pallone…nulla ci puo’ convincere che non sia importante (anche se NON LO è!) e nel caso di competizioni fra nazionali tipo i modiali anche chi non è tifoso rimane rapito e profondmamente influenzato dalla FINZIONE della guerra…questo
        è il simulacro una finzione di un concetto (accettato )come vero estramente potente…

        • rob sabato 4 giugno 2011 alle 1:35 am

          stessa cosa è il PD (ve la siente cercata cari…) il PD è il simulacro
          di un partito di sinistra , composto da gente che viene da gran parte
          dal PCI , che ha sposato la visione piu’ liberale e liberista che esista al mondo (essenzialmente i valori degli USA) abiurando e negando quello da cui veniva : lo statalismo conservatore in salsa comunista.
          Solo che anche in questo caso la finzione non viene indebolita’ dalla sua falsita’ ( come il calcio è il simulacro della guerra ) e quando sentiamo Veltroni dire :io sono stato sempre pro americana mai comunista NON GLI ridiamo in faccia ma accettiamo il fatto come
          piu’ che vero ,perchè è appunto una finzione che sta’ al posto
          della realta’ da essere percepita piu’ vera del reale stesso (un simulacro)

  6. rob venerdì 3 giugno 2011 alle 4:12 pm

    comunque voglio scrivere all’inclito pubblico albinisco una cosa che mi ha lasciato di sale : ieri alcultando una nota radio nazionale disponibile anche in streaming&podcast :parlavano di cinema e si sentiva fellini che miagolava lamentele contro berlusconi che stuprerebbe i suoi films intramezzandoli che la pubblicita’ e il berlusca che rispondeva ancora pimpante e fresco (anni’80)che il mondo di fellino non entrava nella(logica)della TV(commerciale) …poi ad un certo punto la pugnalata: parlavano del famoso e mitico produttore de laurentis che diceva di sapere che gli ‘amerikani’ avessere pagato i ‘socialisti’ per distruggere il cinema italiano che dava fastidio essendo poco allineato alle logiche Usa…Ora considerate che dopo i ’70 il cinema italiano è morto veramente e che delaurentis non è mai stata un comunista(e nenahce di sinistra..) e ha passato gli ultimi decenni in Usa…
    fatevi un po’ i conti di governa veramente (nell’ombra) in italia…

  7. gracekellykitchen11 venerdì 3 giugno 2011 alle 4:57 pm

    Secondo me il Ministero dell’Istruzione giapponese, dovrebbe prelevare forzosamente i ragazzini giappponesi dai 14 anni in su e spedirli un mese a Napoli tutte le estati fino ai 18 anni.

    Servirebbe a me, figuriamoci a loro!

    • arisio venerdì 3 giugno 2011 alle 7:15 pm

      Secondo me i pupetti opterebbero per il programma Battle Royal…..

      A.

    • rob venerdì 3 giugno 2011 alle 7:22 pm

      mm non ho mai visto battle royal (anche se piu’ o meno so la trama)
      ma temo un mese sarebbe poco…

    • um sabato 4 giugno 2011 alle 12:03 am

      Eh sì, una volta capito cosa li aspetta a Napoli ( lo shock culturale più che altro) penso opterebbero per la morte su un’isola *giapponese* alla Battle Royale…

      • gracekellykitchen11 sabato 4 giugno 2011 alle 12:33 am

        mah, potrebbero prenderla comne un’occasione per avvicinarsi ad una cultura diversa… e per imparare ad essere elastici, e flessibili fino al parossismo.

        Diciamo che se riuscissero a collocarsi in un punto intermedio tra il napoletant ed il giapponese tipo, la loro vita migliorerebbe sicuramente.

        Certo, i genitori potrebbero tentare il suicidio… ma non è detto! 😉

      • gracekellykitchen11 sabato 4 giugno 2011 alle 12:33 am

        mah, potrebbero prenderla come un’occasione per avvicinarsi ad una cultura diversa… e per imparare ad essere elastici, e flessibili fino al parossismo.

        Diciamo che se riuscissero a collocarsi in un punto intermedio tra il napoletant ed il giapponese tipo, la loro vita migliorerebbe sicuramente.

        Certo, i genitori potrebbero tentare il suicidio… ma non è detto! 😉

    • rob sabato 4 giugno 2011 alle 1:17 am

      ma pensandoci meglio…probabilmente -a fatica – i giappo si adatterebbe
      a fare i napoletani a napoli…solo che non gli servirebbe a nulla in giappone
      aver assorbito valori e flessibilita’ napoletani…è il contesto sociale che regola
      e influenza i comportamenti…un giappo che facesse il napoletano in giappone
      sarebbe preso per pazzo criminale (e lui lo saprebbe) quindi socialmente rifiutato quindi non lo farebbe mai…anzi no forse diventerebbe uno yakuza 🙂

  8. sirdic venerdì 3 giugno 2011 alle 5:22 pm

    Io non sono sicuro che ti pagheranno il bonus, secondo me avresti fatto meglio a rinunciare al bonus e prendere le ferie. Ma non sono a conoscenza di molti precedenti, perche’ licenziarsi subito dopo aver preso il bonus fa parte della saggezza giapponese.

  9. Liven venerdì 3 giugno 2011 alle 9:53 pm

    Odissea giapponese, albino (hai fatto incazzare il Dio-azienda cosa pretendevi?)…10 anni per scollarteli dai maroni se continuano così^^

  10. The Witch Of Oz venerdì 3 giugno 2011 alle 10:01 pm

    ahahahaha flessibilità zero..mamma mia 😀

  11. ivabellini venerdì 3 giugno 2011 alle 11:33 pm

    non ho capito molto di quello che ti hanno detto, ma credo sia meglio così 🙂

  12. S martedì 7 giugno 2011 alle 5:07 pm

    perché scrivi così che qua stiamo a rosicare sotto la pioggia e l’umido e il nuvolo e il freddino che di notte devi mettere il plaid senò ti svegli col raffreddore (ahem…)
    e saremmo a giugno – e qui giugno vuol dire giugno…! >-<

    divertentissimo videino di satira sullo scontro Moratti – Pisapia è questo, se puoi interessarti (a me ha fatto troppo ridere, soprattutto il pezzo della cintura di sicurezza XD): http://www.youtube.com/watch?v=rwDWrrW4cg8

  13. elisa martedì 7 giugno 2011 alle 9:01 pm

    non ho parole per l’azienda giapponese, mamma mia quanti casini per poco…va beh, almeno vai a vivere al caldo, se conti che qui è giugno estate e ci sono 20 gradi e piove a manetta…per quanto riguarda la santachè, che vuoi che dica, si commenta da sola…

  14. Pingback:Fermo un giro, senza passare dal Via « Bello Onesto Ri-emigrato Australia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: