Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Archivi Mensili: gennaio 2012

Preparandomi alla partenza

Dopo un weekend lungo in cui il sole si e’ visto si e no due ore in quattro giorni, oggi (lunedi) ci sono 30 bellissimi gradi. Cosi’, tanto per prendermi per il culo, e per ricordarmi che giovedi vado in Giappone, dove di gradi ce ne sono circa una trentina… di meno.

Mi consolo pensando che questo weekend me ne andro’ a zonzo per le vie della mia adorata Metropoli. Appena arrivo a Tokyo prima di tutto mi infilo nel primo ramen shoppu che trovo, e tanto meglio quanto piu’ e’ piccolo, vecchio, unto e pieno di salaryman con la cravatta slacciata e la forfora sulla giacca. O spaccati in due come questo della foto qui sotto.

Seconda cosa che faccio, me ne vado a Gotanda a mangiarmi finalmente un sushi decente allo standing bar che c’era sotto (la fu) casa mia.

E beh, poi ovviamente Roppongi e Shibuya e Shinjuku e tutti quei posti li’, ma non serve neanche dirlo credo.

Annunci

Il municipio di Sydney

L’hanno illuminato un filo, giusto per il capodanno cinese.

Niente di troppo pacchiano eh, il classico stile sobrio che contraddistingue il downunder.

Lol.

Il vero Australia Day

La maggior parte dell’Australia pensa che Australia Day sia stato ieri, giovedi 26 gennaio 2012. Per me invece ieri e’ stata solo la festa nazionale, perche’ in realta’ per me il vero Australia Day e’ oggi, venerdi 27 gennaio.

Oggi e’ un giorno lavorativo per me, che come pochi non ho potuto fare ponte (sono troppo incasinato, ho mille cose da fare e da preparare prima di partire per il Giappone). Oggi quindi lavoro… da casa. Come il 95% del mio ufficio. Ecco il bello dell’Australia, il poter lavorare da casa. La mattina invece di andare in ufficio te ne resti a casa, e… lavori. It’s that easy.

Vi spiego come funziona nel mio caso. Solitamente mi sveglio alle 7, verso le 8:20 esco di casa, e sulle 8:45 sono al lavoro. Alle 12 piccolissima pausa pranzo, di solito un sandwich o un sushi seduto in scrivania; e dalle 4:30 alle 5 me ne torno a casa. Come ho gia’ detto lavoro dalle 7 alle 8 ore, flessibili e autocertificate, e non c’e’ alcun cartellino da timbrare in quanto la maggior parte dei lavori per white collars/impiegati/salarymen va a obiettivi, e se li raggiungi in 2 ore bene, se ce ne metti 12 cazzi tuoi.

Quando lavoro da casa invece devo: (1) ricordarmi di portare a casa il laptop la sera prima (negli uffici in cui si puo’ lavorare da casa in Australia il pc di solito e’ un laptop con tanto di docking station su cui attaccarlo quando sei in ufficio). Poi quel che devo fare e’ (2) scrivere WFH (Working From Home) sulla lavagnetta delle presenze, cosi’ chi entra in ufficio sa che sono a casa. Fine.

Il giorno in cui lavoro da casa mi sveglio alle 8:30, faccio colazione e mi piazzo a lavorare dalla mia scrivania di casa. Accendo il laptop del lavoro, mi collego alla intranet aziendale… e voila’, e’ come se fossi in ufficio. Se qualcuno mi vuole non ha che da chiamarmi al cellulare aziendale. Sono reperibile tutto il giorno, dalle 9 alle 5. Per il resto me ne sto qui a lavorare, con la differenza che alle 4:30 stacco tutto e la mia strada dal lavoro al divano di casa si riduce da qualche Km a qualche… metro.

Naturalmente queste cose non si potrebbero fare in paesi come il Giappone, dove a nessuno interessa se fai qualcosa, ma l’importante sono le ore che passi accampato in ufficio. E ovviamente neanche in paesi come l’Italia (ma non solo), dove la gente se ne approfitterebbe per prendersi giorni di vacanza a scrocco.

Certo, poi anche qua nessuno ti controlla quando sei a casa, e ovviamente un filino di cazzeggio ci scappa sempre. Tipo scrivere il post di oggi, per dire. Ma c’e’ modo e modo di comportarsi.
E’ questo il bello dell’Australia. Un sistema se vogliamo ancora relativamente semplice e incontaminato, dove fai il giusto e vieni pagato il giusto, dove la persona a volte viene messa al primo posto rispetto al business.

E’ oggi il mio Australia Day, il giorno in cui anch’io mi sento un po’ australiano. Il giorno in cui mi ritrovo ad essere soddisfatto di essere venuto a vivere in questo Paese, perfino io, perfino nonostante quello che ho scritto ieri.

Australia Day 2012

Come raccontavo, qui in Australia oggi e’ Australia Day. E’ un po’ come la nostra festa della repubblica del 2 giugno, e in effetti qui il 26 gennaio in teoria dovrebbe essere estate.

In teoria.

In pratica, piove e qua non si vede il sole da per lo meno una settimana. Non vi dico il weekend che sta per arrivare: siamo in attesa di inondazioni! Alla faccia del downunder che in teoria dovrebbe essere il paese piu’ arido del mondo.

Leggiucchiavo prima alcuni blog di italiani in Australia, e sono capitato nelle foto di facebook di una tipa italiana “amica di amici” che conosco, e che abita a Brisbane sin dai tempi in cui a Brisbane vivevo pure io. Faccia e fisico da bonazza ma espressione da persona superficiale e un po’ vuota, diciamo. Avete presente il tipo no, occhialone da sole costante, espressione di repertorio provata allo specchio, pose da figa. E le foto in tema: feste, surf, spiaggia, sorrisoni, festoni.

Alcune sembrano le foto che facevo io… 5 anni fa. Quando a Brisbane era tutto festa e casino e spiaggia e vita spensierata.

Io nel frattempo pero’ sono cambiato. Sono andato e sono tornato, e mi sono un po’ svegliato da questo sogno australiano. Certo, sono tornato a vivere qui perche’ qui si sta bene, la vita e’ facile, il tempo libero e’ tanto, il lavoro e’ splendido e la paga e’ alta.

Pero’. Se mi togli il sole e non vado in spiaggia, e’ come togliere lo sfondo a una bella cartolina. Quello che resta e’ la vera Australia, un paese che anche i suoi cittadini definiscono spesso con la parola “shallow“. Come l’italiana di Brisbane di cui raccontavo, che sembra una miss: bel sorriso e faccia da stupida, occhi grandi ma poco profondi.

Ma io, che non ho un bel sorriso ma neanche la faccia da stupido, in questi giorni piovosi di vacanza non faccio altro che ritrovarmi a guardar fuori dalla mia finestra, e dirmi che qui si sta benone, certo… ma purtroppo o per fortuna, nel mio destino sta scritto che prima o poi dovro’ rifare il bagaglio, e tornare alla civilta’.

Alla vita vera.

Pensierino della buonanotte

Il viceministro Martone: laurearsi a 28 anni e’ da sfigati.

Mai stato piu’ d’accordo in vita mia. Gia’ ai tempi dell’universita’ dicevo a chi rifiutava gli esami che un anno di ritardo della laurea non vale e non varra’ mai il voto di laurea, manco fossero 20 punti di voto. Meglio laurearsi con 90 a 25 che con 110 a 26, perche’ un domani quell’anno di universita’ varra’ oro.

E ve lo dice uno che ha la maggior parte dei coetanei anglosassoni del ’76 che a parita’ di laurea hanno iniziato a lavorare 3 anni prima di lui e sono un livello sopra lui, visto che nel resto del mondo a 22-23 anni sei gia’ laureato (e se non fai il PhD, il master degree nel mondo vero non serve a un cazzo).

Parlando del piu’ e del meno

Oggi non mi riesce di scrivere il post (e nemmeno ieri, a dire il vero). Il problema principale e’ che sono in chiusura per il viaggio in Giappone, e quindi incasinatissimo a chiudere tutto per tempo prima di partire.

Tra parentesi qui il 26 gennaio (giovedi) e’ Australia Day, ovvero il giorno in cui tutti gli Australiani si ubriacano ancor di piu’ che durante il resto dell’anno. Naturalmente (c’e’ da chiederlo?) il sottoscritto si fa anche un bel ponte, e quindi c’ho pure la settimana corta. Quindi immaginate quanto sono impegnato: pensate, ieri ho finito addirittura alle 17:15!

Qua a Sydney e’ da ben due settimane che non si vede una giornata di sole, e pure il prossimo weekend e’ previsto brutto (ponte incluso); mentre a TOkyo ieri sembra abbia nevicato un bel po’, segno che ovunque io vada il tempo di merda non lo riesco a evitare quest’anno.

In conclusione, mi scuso per il post telegrafico, a dire il vero avrei un paio di argomenti interessanti di cui parlare ma sono entrambi ULTRA-privati, e non e’ che posso fare tutti i post protetti da password, senno’ poi passo piu’ tempo a dare la password che a scrivere il blog!

Palm Beach, NSW

Al primo timido sprazzo di sole, subito in spiaggia!

PS: Nota di servizio. Visto che il 31/1 Splinder chiude i battenti, ho trasferito il vecchio blog qui su wordpress. Tanto per non perdere i contenuti passati. (Comunque sia, non e’ mia intenzione continuarlo – lo teniamo solo per archivio OK?).

Dalla mia finestra

Oh, ma è possibile che quest’anno non venga un weekend decente manco a pagarlo? WTF.

Protetto: L’applicazione del metodo giapponese

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

2012: Ritorno alla Metropoli Tentacolare

Comunico ufficialmente che le prime due settimane di febbraio sono in viaggio di lavoro. Dove? Che domande: a Tokyo, e dove senno’?

Questa volta pero’, a differenza dell’altra, mi tocca lavorare seriamentissimamente. Ho mille incontri, mille riunioni, mille cene di lavoro programmate… tutte da far combaciare in quei pochi giorni miserelli. (comunque il fine settimana per lo meno sono libero).
Insomma, a ben vedere sto per lasciare l’estate australiana (la quale fino ad ora ha fatto cagare, tra parentesi, ma sono sicuro che febbraio spacchera’ visto che vado via io) per andarmi a sparare due settimane a zero gradi o poco piu’, nel mezzo dell’inverno piu’ gelido (febbraio e’ il mese piu’ freddo dell’anno da quelle parti).

(…ma venitemi a chiedere se sono contento di andare, ghghgh…).

Ma insomma: Se siete a Tokyo e siete liberi durante il weekend dell’11 e 12 febbraio fatemelo sapere, perche’ dovrei essere da quelle parti ecco. Forse. Senno’ ci si vede in maggio, quando probabilmente rifaro’ tappa in suolo nipponico.

Capitano che fa, va a casa?

So che non c’entra niente, ma la conversazione tra Schettino e la guardia costiera mi ricorda un altro scambio di battute che ormai e’ passato alla storia.

Peccato che quello di Schettino non faccia ridere (soprattutto dopo aver letto che al posto di buttar via la chiave l’hanno mandato ai domiciliari, e che invece dell’ergastolo d’ufficio che si meriterebbe rischia solo 15 anni – quindi, in realta’, ne fara’ molti meno).

– Allora ragioniere che fa, batti?
– Ma… mi dà del tu?
– No, no! Dicevo: batti, Lei?
– Ah, congiuntivo!
– Sì!

 

Comunicazione di servizio

Stamattina stavo leggendo la posta del blog, quando mi sono chiesto per l’ennesima volta perche’ diavolo io continui a tenere la corrispondenza del blog su hotmail, visto e considerato che sia l’interfaccia che la velocita’ che il servizio di hotmail mi fanno non solo schifo ma addirittura orrore. (sapevatelo, ma io con i prodotti microsoft ho un rapporto di odio-odio sin dai tempi in cui hanno tolto MS-DOS da Windows, e sono un orgoglioso possessore di Mac windows-free a casa sin dal 2008).

Tagliando corto con le stronzate, ho aperto un nuovo indirizzo (mondoalbino@gmail.com) , e non contento ho pure colto l’occasione per aggiornare la pagina dei contatti.

(Il nuovo indirizzo ora tra parentesi lo leggo pure da iphone, cosi’ da oggi posso darvi la password e/o illuminarvi con le mie pillole di saggezza anche quando sto seduto al cesso. Fico eh?).

Incidente all’italiana, Razzismo all’anglosassone

Allora. Se casca l’aereo francese costruito dai francesi, e’ colpa della tempesta, o del pilota, o del Brasile, o dell’Oceano Atlantico, o magari, incidentalmente, forse, della progettazione dell’aereo. Si piangono le vittime e morta la’.

Se si disintegra il treno tedesco costruito dai tedeschi, e’ colpa dell’errore nelle procedure di sicurezza, e nell’applicazione del freno di emergenza, e del macchinista, e della rotaia, e della curva, e del pilastro che era proprio li’ dove non doveva essere. Colpa della progettazione del treno? Sia mai: sono tedeschi! Anche qui, si piangono le vittime e morta la’.

Se esplode la centrale nucleare giapponese costruita dai giapponesi, e’ colpa del terremoto, dello tsunami, della Tepco, del governo, delle norme di sicurezza, della manutenzione, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Magari nel loro caso si dice anche che sia colpa della progettazione della centrale, ma solo perche’ sono giapponesi e in quanto asiatici l’opinione pubblica benpensante bianca si sente in diritto di poterli cazziare. Si piangono le vittime, si scopano le scorie sotto il tappeto, ma poi e’  morta la’.

Se si sfracella con cadenza praticamente bisettimanale un treno o una nave o un aereo o un bus americani costruiti dagli americani, nessuno dice un cazzo perche’ loro, si sa, sono gli Americani con la A maiuscola, e non so se vi ricordate ma sono andati sulla luna nel 1969, mica noccioline eh. Le vittime manco si cagano perche’ il conto ormai si perde nella memoria: meglio parlare dei talebani va’.

Ma se il capitano italiano rincoglionito di una nave da crociera porta la suddetta nave a sfracellarsi sugli scogli perche’ deve far fare ciao ciao con la manina ai passeggeri? Beh, in quel caso secondo l’opinione pubblica mondiale la colpa e’ solo incidentalmente del capitano; piuttosto, in questo caso e’ quasi ovvio che la colpa dev’essere, in ordine crescente:

(1) della nave italiana costruita da italiani, e quindi sicuramente fatta alla cazzo di cane (begli interni, ma in quanto ad affidabilita’, eh…).
(2) della compagnia italiana che in quanto italiana non sa applicare misura di sicurezza alcuna (si beh, sono di proprieta’ americana, ma sono pur sempre italiani).
(3) delle regole marittime italiane fatte alla cazzo di cane e prive delle piu’ elementari regole della sicurezza (che magari ci sono, in quanto europee, ma gli italiani non le seguono).
(4) delle carte nautiche italiane compilate da italiani, che descrivono fondali di mari che solchiamo dall’alba dei tempi ma visto che siamo italiani cazzoni nessuno s’era mai accorto di quel minchia di scoglio.
(5) in conclusione, dell’Italia tutta che dalla caduta dell’impero romano in poi viene vista all’estero come una cozzaglia di coglioni incapaci di gestire nulla in maniera decente.

E non si capisce come mai in occasioni come questa al posto di abbassare la testa e fare il faccino triste delle grandi occasioni, gli americano/australiano/britannico/franco/tedeschi (e c’aggiungerei pure i giappi, e chissa’ chi altri) se la ridacchiano quasi.

Come a fotocopia, glielo leggi nei sottintesi degli articoli di giornale, o nelle news sparate nell’etere planetario. Questo parlare di “nave italiana”, “regole”, eccetera… come certi nostri quotidiani o TG dove il giornalista pone l’accento razzista sullo stupratore rumeno, sulla banda albanese.

E qua in Australia, visti i precedenti migratori, lo stereotipo contiene sempre le solite due parole magiche accostate insieme, a far capire che in fondo in fondo siamo tutti della stessa pasta: Italiani – [paragone] – greci.

Ma andatevene a fanculo va’.

Dubbi amletici di un rompicoglioni

In sostanza sembra che mi ri-spediscano in Giappone per un paio di settimane. Mi direte che sono un lamentino (e in effetti un po’ lo sono), ma quasi quasi mi finirei l’estate australe prima di partire… qua sono in manica di camicia, e Tokyo oggi fa 0 gradi di minima. Va bene tutto, ma Tokyo non e’ che scappa se ci vado fra un paio di mesi eh…
Autocommento: che rompicoglioni, mai contento. E Giappone si, e Giappone no. Deciditi!

L’altro dubbio amletico che mi attanaglissima in questo weekend di mezza estate e’ se prendere il Kindle o l’ipad per leggere e-books. Siccome e’ ormai appurato che trasloco con frequenza biennale, e constatato ormai che solitamente non e’ che cambio casa o citta’, e neanche nazione ma proprio continente… beh, ho pensato che forse e’ il caso di smetterla di comprare libri e optare per la soluzione digitale.
Autocommento: Che poi va a finire che a ogni trasloco i libri mica me li porto dietro: no, li spedisco a casa in Italia “in attesa di mettere radici da qualche parte”, per la gioia di mia madre che deve cuccarsi gli scatoloni – e le tavole da surf.

In sostanza, il problema dell’ipad e’ che non c’ho voglia di comprarlo adesso: voglio aspettare la versione 3. Il problema del Kindle e’ che io l’ipad 3 quando esce me lo compro in ogni caso, e non c’ho tanta voglia di riempirmi la casa di gadgets elettronici. Che poi quando viaggio non e’ che mi porto dietro tutti e due. Quindi a quel punto il kindle mi diventerebbe un doppione, facendo la fine della PSP che era utilissima per giocare quando stavo seduto sulla tazza, ma che non ho mai piu’ usato da quando ho preso l’iphone.
Autocommento: Come vedete da buon ingegnere specializzato in sistemi di sicurezza non e’ che guardo ai pro ma mi focalizzo sul minimizzare i contro. E’ un po’ una filosofia di vita, la chiamerei albinismo se albinismo non volesse dire qualcosa di totalmente diverso…

Comunque sia, gran bel post del cazzo ho fatto oggi.
Autocommento: eh gia’.

Di amicizia e Carpe Diem

Capita a tutti nella vita di scoprire che le cose belle non durano per sempre.

Alle volte si formano compagnie o gruppi di amici che sembrano inossidabili. Gente che si completa a vicenda, divertimento assoluto, ricordi che restano per sempre. Senza andare a scomodare i tempi delle superiori, che per me sono stati indimenticabili, nella mia esperienza posso citare i primi anni 2000, quando vivevo in Italia. Eravamo un gruppone di una quindicina di persone, tutti ai confini tra il laureando e il neolaureato. Abbiamo passato insieme un inverno da favola, un’estate leggendaria. Poi, tutt’a un tratto ci siamo accoppiati quasi tutti. Il mitico gruppo si e’ indebolito prima, sfaldato poi, ridotto a mero contatto su facebook ai giorni nostri. (Ma chi dimentichera’ mai le feste fantastiche, le albe in disco fino alla chiusura, l’appartamento in affitto di quell’estate?)

La magia e’ tornata nel 2005, con un nuovo gruppo di persone. A Brisbane questa volta. Nato per caso, gente per lo piu’ italiana con cui sono finito con l’uscire tutte le sere per mesi. Indimenticabili notti nella Valley, e feste in case di sconosciuti, e domeniche infinite in riva al Pacifico coi furgoni noleggiati, per quello che sembrava non dovesse finire mai. C’e’ stata una chimica bellissima tra di noi. Ma poi, come prima, tutti sono tornati alla loro strada, e nel giro di settimane a Brisbane di noi non c’era che una manciata di persone. E alla fine con uno schiocco di dita ero rimasto solo io.

Poi c’e’ stato il 2008, quando ho preso i famosi sei mesi sabbatici e ho fatto lo studente a Tokyo. Li’ ho avuto la fortuna di far parte di un altro gruppo fantastico di amici, gente proveniente da tutte le parti del mondo. Si e’ usciti ogni sera per mesi, tutti insieme a scoprire Tokyo. Mezzi non parlavano neanche inglese, e ci si esprimeva a gesti. Poi la scuola e’ finita e se ne sono andati quasi tutti. Sono rimasti i migliori, pero’, quelli da cui sono tornato quando ho trovato lavoro in Giappone. Ma anche loro, a uno a uno, hanno gettato la spugna o hanno trovato nuove strade. La cilena s’e’ accasata in Cile, il francese ha rinunciato a trovare un lavoro decente e se n’e’ tornato in Francia, la Coreana ha avuto un bimbo ed e’ tornata a casa col marito, il romeno e’ tornato in Italia dopo il terremoto, lo svizzero ha deciso di tornare a casa e finire l’universita’, l’americana ha trovato lavoro ed ora e’ in… antartide! L’italiano, che poi sarei io, ha fatto ritorno in Australia. Restavano solo la cinese e l’americano. Ed e’ notizia di ieri che pure lei alla fine se ne va. Pezzo dopo pezzo, a Tokyo col tempo che passa ho sempre meno gente da cui tornare.

Il bello della vita pero’ e’ che come le stagioni, certe cose muoiono ma poi rinascono, diverse ma sempre ugualmente belle.
Il segreto sta tutto nel saperlo accettare e nell’evitare di attaccarsi troppo a certe situazioni, altrimenti va a finire che mentre si guarda indietro ci si perde lo spettacolo che si ha davanti. Lo so, sto raccontando la solita menata del Carpe Diem, ma e’ questo quello cui sto pensando ora, ed e’ questo che mi sentivo di condividere col mondo nel post di oggi.

Concludendo, ci terrei anche a dire che al momento la mia unica certezza e’ che quando parlo di Giappone e di giappine mi si alzano i contatti del blog (x2, a ben vedere). Otaku di merda che non siete altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: