Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

2012, Ritorno a Brisbane

Con questa settimana si conclude il mio febbraio vagabondo. E finalmente, aggiungerei. Ho passato 3 weekend su 4 via da Sydney, e ben 3 settimane tra Tokyo, Melbourne e (da oggi fino a fine mese) Brisbane. (A marzo, si spera, me ne resto qui tranquillo a godermi un po’ di pace e la fine dell’estate).

Oggi alle 16 arriva a prendermi l’ennesimo taxi per l’aeroporto. Destinazione Brisbane, come dicevo. La mia vecchia città’ dove ho passato 4 anni della mia vita, da ottobre 2005 a ottobre 2009.

Devo confessare di essere un po’ (parecchio) emozionato. Non vedo l’ora di vedere i vecchi posti, respirare la vecchia aria. Con tutti i suoi difetti, Brissy resta sempre un posto da sogno, e devo dire che mi e’ mancata un po’ in questi anni. Non dimentichiamo che la vista dal mio balcone di casa nel passaggio da Brissy alla Metropoli tentacolare e’ diventata da così’

A cosi’:

(cosa non si farebbe per le giappine, ahn?)

Naturalmente il volo di oggi lo faccio rigorosamente in infradito e pantaloni corti, come vogliono i costumi del luogo.

Queensland, sto arrivando!

Annunci

6 risposte a “2012, Ritorno a Brisbane

  1. Mick domenica 26 febbraio 2012 alle 4:10 pm

    Per caso abitavi vicino al palazzo delle Assicurazioni Nomura? Per intenderci a due passi dal Victoria Golf, quello che sta davanti all’ingresso della stazione JR?
    Pensa che qualche anno fa ci ho pure mangiato in quel Moss Burger che sta dall’altra parte della Yamanotesen…

    • albino domenica 26 febbraio 2012 alle 7:03 pm

      Giaggià… Proprio lì. Vicino al pachinko, davanti al juu-bei più buono della storia!

      • Mick domenica 26 febbraio 2012 alle 7:54 pm

        Ma sì, cavolo! Il pachinko Kotobuki, quello con le tende a righe rosse! Ci sarò passato davanti almeno una decina di volte.
        Il Juubei invece (sbaglio o mi pare che lo scrivano Jyubei?) non l’ho mai notato. Per caso è sulla Sakurada-doori oppure lungo il fiumiciattolo?

        Certo, non c’è confronto, il cemento è un pugno nell’occhio. Ma resta il fatto che Gotanda sia una bella zona, ordinata, pulita ed perché no, affascinante.

  2. destinazioneestero domenica 26 febbraio 2012 alle 5:10 pm

    Che cambiamento! E’ veramente incredibile!

  3. Michy domenica 26 febbraio 2012 alle 7:40 pm

    sei la mia fonte inesauribile di sfondi per desktop!altro che Google!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: