Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Odi et amo 2012 – Tokyo blues

Puntuale come un iPad4 oggi arriva uno dei soliti post struggenti e lamentosi che mi vengono fuori quando mi trovo a Tokyo. Quelli che mi vengono quando sto qui e il cuore mi si stringe come una prugna secca al solo pensiero di dovermene andare.

Il problema e’ che qui e’ tutto cosi’ perfetto. Tutto e’ cosi’ pieno di vita. Le tipe sembrano modelle, camminare per la strada e’ un piacere. I ristoranti sono eccellenti. I miei amici sono fantastici. E poi l’organizzazione, la pulizia, il silenzio nella Metropoli, la compostezza, lo stare in fila, la societa’ che e’ tuttiperuno, unopertutti. Oggi stavo in taxi fermo al semaforo, e nella corsia a fianco c’era un camion della spazzatura, pulito e splendente che sembrava nuovo di concessionario. Come se esistesse un concessionario dei camion della spazzatura, poi.

L’unica cosa che mi salva, lo ammetto, e’ sapere che da oggi in poi verro’ qui una volta al mese. Fino a quando durera’ questo non lo so, ma intanto mi consolo.

Continuo ad essere certo (certissimo!) che la scelta che ho fatto (azienda occidentale in Australia, e ora Hong Kong) sia stata quella giusta. Eppure tornare qui mi ricorda che questo e’ il posto dove avrei voluto stare. Amo il lavoro che faccio e sono felice delle soddisfazioni che mi sta dando la mia carriera in evoluzione… ma se la cosa fosse successa qui sarebbe stata tutta un’altra cosa.

E questo sentimento- come scrisse Catullo – mi fa soffrire terribilmente.

5 risposte a “Odi et amo 2012 – Tokyo blues

  1. Susita giovedì 25 ottobre 2012 alle 6:57 am

    Tieni duro, magari ilprossimo passo potrebbe essere un altro avanzamnto di carriera con il lavoro che ti piace ma a Tokyo.!

  2. sirdic giovedì 25 ottobre 2012 alle 2:56 pm

    Ahahahah che memoria corta! Si vede che Hong Kong deve essere davvero un macello per averti fatto dimenticare quanto tutto non e’ cosi’ perfetto😀
    Forza, uno di questi venerdi’ ci si rivede!

  3. arisio giovedì 25 ottobre 2012 alle 4:49 pm

    Tipica memoria da pesce rosso…….

  4. Matteo giovedì 25 ottobre 2012 alle 6:40 pm

    come ti capisco…ogni volta che lascio Tokyo mi sento un idiota e mi chiedo sempre perchè lo stia facendo!!..a volte mi dico che sarei disposto a vivere nelle “casette” azzurre nel parco di Ueno pur di restare!

  5. Marina giovedì 25 ottobre 2012 alle 7:45 pm

    Albe, sei stato via abbastanza a lungo da rimuovere i cattivi ricordi, e stai qui abbastanza poco per non andarli a rivangare…ahahaha!
    Non tutti i mali vengono per nuocere, dai!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: