Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Il posto dove non farsi tatuaggi (ne’ troppe domande)

Perso nel mezzo della campagna giapponese (per lavoro) in un hotel a una centocinquantina di km da Tokyo, stavo guardando la tv. Danno un programma di attualita’-approfondimento dove ognuno (gente famosa + gente "comune") dice la sua su un tema in particolare. Questa sera il tema sono i tatuaggi, che come forse sapete in Giappone sono un tabu’.

Tagliando corto: i mafiosi giapponesi (la yakuza) storicamente usa(va)no tatuarsi la schiena, per cui in Giappone vige la regola per cui tatuaggio = mafioso. (in Giappone purtroppo non esistono le mezze misure, sigh). Di conseguenza, ad esempio, da queste parti chi ha un tatuaggio non puo’ entrare in piscina.

Alla trasmissione hanno partecipato alcune giappine tatuate. Durante la trasmissione le hanno ovviamente attaccate senza sosta in maniera diretta e indiretta, e hanno fatto partire un paio di servizi. Nel primo si raccontava di una che e’ stata licenziata perche’ un giorno il capo le ha intravisto un tattoo sul collo mentre era chinata. Nel secondo, una madre con un tatuaggetto sull’avambraccio (fatto da ragazzina) che ora se lo fa cancellare (con tanto di operazione e cicatrice in bella vista in tv) perche’ ha due figli e (1) non puo’ portarli in piscina nonche’ (2) le altre madri la evitano e non vogliono che i loro figli giochino coi suoi.

Ora, questo il programma. Fosse successo altrove, magari gli ospiti si sarebbero chiesti il PERCHE’ e avrebbero discusso sui motivi di questi comportamenti. Perche’ in Giappone e’ vietato il tatuaggio in piscina? Perche’ un datore di lavoro puo’ permettersi di discriminare una persona solo perche’ ha un tatuaggio, e lei non fa ricorso? Invece, da queste parti si listano i fatti e si giunge alle conclusioni senza mai mettere in discussione la regola. Senza mai chiedersi il perche’.

A me questa patologica incapacita’ di mettere in discussione anche la piu’ stupida delle regole mi ha sempre mandato in bestia. In Italia secondo me stiamo troppo attenti a far tutti contenti e tendiamo a perdere di vista gli obiettivi, impaltanati come siamo a cercare di spiegarci le cose. Ma qua, cazzo, e’ una cosa insopportabile.

L’altro giorno tra i commenti alcuni mi rimproveravano di aver scordato troppo presto i difetti del Giappone, e i motivi per cui nel 2011 ne ho avuto abbastanza. Scusate, avete ragione: ora ricordo.

25 risposte a “Il posto dove non farsi tatuaggi (ne’ troppe domande)

  1. Glamis lunedì 29 ottobre 2012 alle 9:33 pm

    Questo forse è uno dei problemi più visibili per noi occidentali sì.
    A questo proposito (non so se già lo sapevi) un tuo omologo ex-emigrato in Giappone, Mattia Butta, ha scritto proprio un ebook sui motivi per non vivere nel paese del Sol Levante.

    Alcuni sono molto ben delineati, incluso questo dei tatuaggi.

    http://www.butta.org/?p=11984

  2. Raul lunedì 29 ottobre 2012 alle 10:33 pm

    “Shouganai”, l’onnipresente motto nipponico…
    Così mi ha ripetuto la mia dolce metà quando mi hanno cacciato da un Onsen proprio a causa del mio “irezumi”, non c’entra se sono un gaijin….ma vabbe’…un po’ avevano ragione, sembro un “chimpira”!!

  3. Tonari martedì 30 ottobre 2012 alle 7:45 am

    Basta facili post sui giappi! Sei in Cina vogliamo sapere dei cinesi!

    • Akanishi giovedì 1 novembre 2012 alle 6:38 am

      ma a me interessa per esempio sapere come queste due giappine tatuate venivano attaccate direttamente o indirettamente. Se non riuscivano a spiegare i perché, come facevano ad attaccarle?

      • Tonari giovedì 1 novembre 2012 alle 10:54 pm

        Perché in Giappone si fa così! Non servono altre risposte nella vita ;D

        • Akanishi venerdì 2 novembre 2012 alle 7:27 pm

          appunto, Tonari: l’hai scritto in 1 riga. come hanno fatto a tirarla per le lunghe una trasmissione intera?

          • Tonari venerdì 2 novembre 2012 alle 10:21 pm

            Scusa ma stiamo parlando di un popolo che per dire “Posso richiamarla?” dice “Orikaeshi odenwa sasete itadaitemo yoroshii deshouka?”
            Voglio dire è un attimo😀
            A parte scherzi… ci saranno stati i soliti personaggi inutili, qualche gag, uno pseudo-sociologo, il grassone che pare Platinette giapponese che la buttava in caciara, il racconto di un’ospite che un mese ha fatto il bagno con uno Yakuza e poi ovviamente l’attimo gastronomico con merda e cipolla saltate in padella servite a tutto lo studio e dieci minuti di “Mmmmmecccccha oishiiiiiii!” “Sugooooooooi” “Yabbbbbba!”

  4. Anna Maria martedì 30 ottobre 2012 alle 4:39 pm

    E’ da un po’ che ti leggo e ancora non ho capito se i giapponesi sono di mentalità più chiusa o più aperta rispetto a noi. Da quello che si vede da questo lato del mondo e da quello che ci racconti percepisco le sensazioni estreme in merito a questa cosa! Forse sono semplicemente diversi!

    • Akanishi martedì 30 ottobre 2012 alle 9:56 pm

      anche la mia ex giappina liquidava i tatuaggi come “non è buona educazione”. Una volta le ho chiesto perché è vietato nei bagni pubblici e mi ha fatto tutto un discorso allucinato sul dovere di presentarsi agli altri nei bagni con la purezza della nudità di spirito o qualcosa del genere. Hanno una scusa per ogni cosa. Più inverosimile è la scusa, più è categorico il divieto.

      • albino martedì 30 ottobre 2012 alle 10:04 pm

        Giusto. Come la boiata mostruosa per cui in Giappone non si riesce a comprare una ricaricabile per cellulari a meno di sputar sangue. Se chiedi come mai ti rispondono tutti con la stessa cagata: la mafia usava le ricaricabili per fare affari sporchi. Lol

      • timoty sabato 17 maggio 2014 alle 5:15 am

        quando una giappina si mette con un tatuato, e’ perché e’ proprio disperata, all’ultima spiaggia. Dovrebbero applicare il divieto di entrata in giappone a tutti i tatuati. Quando anche “jenny a carogna” potra’ entrare in una Onsen in giappone, allora il mondo sara’ veramente finito

        • Tiz mercoledì 17 settembre 2014 alle 9:07 pm

          In un commento qua sotto hai scritto “non nutro nessun odio verso queste persone, e non ritengo assolutamente che le persone tatuate siano non a posto”-cit.
          P.S. Meglio un tatuato di un moralista idiota

  5. La deriva dei continenti mercoledì 31 ottobre 2012 alle 5:07 am

    Post molto interessante! …e anche i commenti. Io sapevo che la mafia adesso usa skype, doppio lol.

    • albino mercoledì 31 ottobre 2012 alle 5:25 am

      Stai attenta a non dirlo troppo forte, che sono capaci di metterlo al bando questi…
      Cmq nessuno (tra gli autoctoni isolani) cui sia mai venuto in mente di pensare che magari ai 3 operatori fa molto più comodo che tutti gli paghino un tot al mese di abbonamento…

    • zazie giovedì 1 novembre 2012 alle 5:13 pm

      Io l’anno scorso ho comprato un telefonino ricaricabile in un negozio softbank (Shinjuku o Yotsuya, se non erro). Le schede per ricaricarlo si trovano in tutti i konbini. Fino a qualche anno fa i telefonini ricaribaili si trovavano anche nei konbini, ma poi li hanno tolti per la storia che, non essendo registrati, venivano usati per ‘affari sporchi’. Pero’ cercando un po’ si trovano.

  6. timoty sabato 26 aprile 2014 alle 5:56 am

    c’e chi dice “a me vedere persone tatuate mi dà tristezza ed evito i rapporti… Io invece dico solo ” se posso, evito rapporti con tatuati”. Ma non perché i tatuati siano maleducati o eccentrici, ecc. E’ solo questione di gusti ( e ovviamente di pensieri diversi). E’ come dire che incontrare una persona in una biblioteca al sabato mattina e’ diverso che incontrare una persona alle 3 di notte in una sala da ballo. Se andate su Google e digitate ONSEN, potrebbero mandarci su wikipendia a questa pagina http://it.wikipedia.org/wiki/Onsen, capitolo controversia razziale, e scoprire il perché di questi divieti per i tatuati. Erano marinai russi in vacanza a Hokkaido. Vodka e maleducazione alle terme, e cosi, giustamente, i locali hanno dovuto prendere provvedimenti. Erano russi. E chi potevano essere se non gente dell’est europa?! I giapponesi, purtroppo sono molto ingenui. Quei marinai russi andavano bloccati gia alla frontiera. Sicuramente non avevano l’aspetto di un Andreotti studente. E qui arriviamo al dunque. Come si sa, Andreotti e’ stato sospettato di crimini ben maggiori che semplici schiamazzi in pubblico. Colpevole o non colpevole, in tutto il mondo ci sono gli Andreotti, i preti pedofili, quelli che non rilasciano fatture, ecc. Ma io voglio solo andare in una onsen e non sentire urlare, vorrei non trovarmi bloccato da una macchina in seconda fila, vorrei non sentire i clacson, vorrei trovarmi in una spiaggia non circondato da persone tatuate (solo questione di gusti) ecc. il giappone (unico paese al mondo) mi offre questo ( per adesso). Se,nel mondo, esistono (o se esisteranno ) delle spiagge per soli tatuati, io non posso accusare di razzismo quei gestori o quei clienti. Anni fa , nello Yemen, i locali mi consigliavano di farmi crescere un po di barba, cosi, come uomo, avrei acquisito “più peso”. Ma non ho mai pensato a quei yemeniti come razzisti. A un giapponese e’ ovvio che la stessa barba, magari condita con gambe pelose e anche una schiena pelosa, ecc, non puo non far pensare a uno scimmione con aspetto umanoide. Semplicemente cultura / mentalita diverse. Come si sa, a Shinjuku c’e un area a luci rosse per sole donne.
    Ebbene, i Tipi che “lavorano” in quei locali hanno un aspetto che e’ esattamente l’opposto di Sylvester Stallone, Alberto Tomba, Fabrizio Corona, ecc. E stai pure tranquillo che le turiste (diciamo la maggioranza) che vanno in giappone sono anche alla ricerca di quei tipetti con quelle caratteristiche, ovvero l’esatto contrario del vitellone romagnolo. Cosa facciamo, diamo del razzista anche a queste turiste (o questi turisti) ? E’ raro vedere in giappone certe effusioni in publico, … eppure sembra che la letteratura erotica giapponese sia molto conosciuta. Come dire, non ho bisogno che tu mi faccia vedere pubblicamente “cosa sai fare”, quando poi vai a casa, allora si, fai pure quello che vuoi ! so benissimo che il giappone visto da turista e’ diverso da quello “vissuto” da straniero residente. Ma c’e sempre un perché ! (intanto leggete nuovamente l’articolo su Hokkaido onsen, … certe ripetizioni fanno sempre bene. ) . Direi anche basta con la storia che i giapponesi associano i tatuaggi alla yakuza. Semplicemente pensano che le persone tatuate siano non a posto.
    A me , semplicemente, una persona tatuata , magari anche con muscoli da culturista, diciamo (scusa il termine) mi fa schifo. Che sia chiaro , non nutro nessun odio verso queste persone, e non ritengo assolutamente che le persone tatuate siano non a posto. E’ solo una questione di gusti, cultura, ecc. In realta, il tatuaggio e’ l’ultima delle cose che potrebbe dar fastidio a un giapponese. Laggiu, scopri che non puoi starnutire in pubblico, non puoi chiamare (urlando) un’altra persona dall’altra parte della strada, non puoi dare la mancia, ecc. Personalmente, alle terme non voglio vedere tatuaggi, persone che parlano alta voce, ecc, anche se si tratta di Gesu Cristo.

    • panapp martedì 8 luglio 2014 alle 11:27 pm

      «Semplicemente pensano che le persone tatuate siano non a posto»: peggio ancora! Almeno quella della yakuza è una scusa sciocca, ma logica, questa invece è sciocca e illogica.

      • Timoty Sullivan sabato 12 luglio 2014 alle 4:50 pm

        Tra un po inizia la partita Germania argentina. Osserva quale squadra ha più tatuati. E chiediti perche. E poi chiediti quanto sono i laureati tedeschi e quanti quelli argentini. Se fai una indagine scoprirai che i tifosi napoletani tiferanno per l’argentina. E chiediti perche. Molti argentini hanno connotazioni caratteriali simili ai napoletani. E molti sono tatuati come Jenny a carogna. I giapponesi queste cose le vedono, e ‘giustamente’ prendono le distanze. Che sia l’acquisto di un telefonino, o peggio ancora, il consentire a simili esemplari l’entrata in una loro sala the

          • Alessio sabato 28 febbraio 2015 alle 8:43 am

            che commento di merda, parli di laureati ed hai una mentalità più chiusa di un mafioso siciliano… vergognati… sono laureato, sono tatuato, lavoro in banca e non ha mai commesso un crimine… SI, ho la fedina penale probabilmente piu pulita della tua caro timoty sullivan…. ricordati che per giudicare una persona PRIMA ci devi parlare insieme, e POI la puoi giudicare…. mi ripeto ma vergognati… ah… e per la cronaca sono di venezia, non sono napoletano come Jenny a carogna….

  7. Gaetano domenica 16 ottobre 2016 alle 8:20 am

    A me questa intolleranza verso i tatuaggi fa solo piacere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: