Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

AIRE – day 1

Oggi sono stato al consolato italiano di Hong Kong per cambiare l’indirizzo. Ah, e dovevo pure rifarmi il passaporto perche’ ho quasi finito le pagine.

Ovviamente la cosa si e’ risolta in un fallimento. Ho i coglioni cosi’ girati che non ho neanche voglia di parlarne.

Italiani di merda.

17 risposte a “AIRE – day 1

  1. Luca martedì 6 novembre 2012 alle 2:38 pm

    Mi aggiungo alla lista. Italiani d merda. Io sono iscritto aire dal 2001

  2. Alessio martedì 6 novembre 2012 alle 2:45 pm

    Ao me fate paura mo….io sono iscritto Aire da aprile 2012….però vivo nella metropoli tentacolare mica nella cineseria di Albino ^__^ (scherzo ! HK è la mia città preferita dopo Tokyo !)

  3. Marina martedì 6 novembre 2012 alle 3:01 pm

    Alberto, fai come me, almeno per quanto riguarda il passaporto…..se puoi resisti fino alla prossima volta che vai in Italia, vai in questura e in una settimana hai il passaporto nuovo fresco fresco di stampa! Farlo all’estero e’, appunto, un giramento di balle astronomico.

    • Zeno mercoledì 7 novembre 2012 alle 11:38 pm

      Pensa che quando ho cercato di fare cosi’ per il passaporto di mia figlia, mi hanno detto che dovevano prima chiedere il nulla osta al consolato. Sai mai che a nove anni potesse avere qualche precedente penale. Una volta iscritti all’aire si e’ stranieri all’estero e pure in italia.

  4. Stila martedì 6 novembre 2012 alle 4:04 pm

    Quando ti sarà passata un po’ spero in un post velenoso e politically-incorrect Albino style🙂

  5. George martedì 6 novembre 2012 alle 6:48 pm

    Uhm…pure io sarei felice di leggere a cosa dobbiamo l’epiteto. Hai provato sulla tua pelle cosa significa la burocrazia italiana, almeno tu facci ridere.

  6. Riccardo martedì 6 novembre 2012 alle 9:57 pm

    Se ti puo’ essere di consolazione racconto cosa mi e’ successo per comunicare una fine di un contratto d’affitto anticipata.

    La registrazione e’ online

    Per la disdetta, bisogna andare all’ufficio dell’agenzia delle entrate con il modulo f 69 compilato.

    1 giorno – il modulo era da completare ed era troppo tardi per un appuntamento.
    2 giorno il modulo era completo ma era ancora troppo tardi per un appuntamento ( ore 10 del mattino)
    3 giorno ore 9 apertura. sempre troppo tardi e infine l’informazione: “Ma lo sa che puo’ prendere appuntamento su internet ?
    torno a casa e prendo l’appuntamento : 1 mese dopo ( da segnalare che teoricamente ci sarebbe una sanzione se lo comunichi in ritardo)
    W l’Italia

  7. niki giovedì 8 novembre 2012 alle 3:40 am

    Non può essere peggiore dell’ambasciata italiana di Bogotà. Letteralmente super antipatici e collaborazione…zero. Finché mi sono seccata e ho dichiarato che mi stavano rifiutando un diritto (rinnovere il passaporto) e mi sarei fatta viva con la farnesina quant’altro.
    Di botto sono cambiati. E’ che qui sono tutti “italiani” bogotani…gente che il bisnonno, il prozio, la quadrisavola… erano italiani. manco sanno scrivere in italiano corretto… e li paghiamo una barca di soldi. Sai quanto prende una segretaria italiana residente in India? (o meglio, quanto prendeva 5 anni fa, immagino che adesso, poveretta, prenda di più) 5.000 euri al mese!!!!!!!!!!!!!!!!!

  8. Markus giovedì 8 novembre 2012 alle 5:00 am

    A me avevano rubato tutti i documenti mentre ero in vacanza all’estero e manco vivevo in Italia. Mi volevano rispedire li a rifarmi i documenti…avrei perso giorni di lavoro e soldi…ho preso il cellulare e davanti all’impiegata ho chiamato il mio console dicendo che sti minchioni non volevano aiutarmi, le ho passato il mio cellulare, dopo 30 minuti avevo un passaporto nuovo di zecca, chippato, vistato e valido per 10 anni. Che possano morire.

  9. Andrea venerdì 9 novembre 2012 alle 7:41 am

    In quale lingua parlavano al consolato? Italiano o romanesco?

  10. Andrea venerdì 9 novembre 2012 alle 10:09 am

    Ovvio, e’ la lingua della diplomazia italiana… Non c’e’ niente da fare, purtroppo. Good Luck!

  11. La deriva dei continenti venerdì 9 novembre 2012 alle 5:16 pm

    Di base concordo, ma devo essere onesta: al consolato di Amsterdam si sono un po’ olandesizzati. Mandi tutto per posta, prendi l’appuntamento on line, arrivi lí e ti danno il passaporto. É piú veloce e pratico rinnovare il documento in Olanda che in Italia. Peró sí…mi fa sempre sorridere che varchi la porta del consolato e ti pare di essere a Roma.🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: