Alle porte di Tannhäuser

mondoalbino sbarca a Hong Kong

Viaggio a Shanghai

Tanto per ricordare ai lettori che ultimamente sono un filino impegnato, vorrei sottolineare che sto scrivendo questo post in multitasking. Da seduto. Sulla tazza.

Come avete potuto notare a fine marzo sono andato a Tokyo per il mio viaggio mensile (il prossimo verso la meta’ di aprile, poi a inizio maggio dopo la golden week). Ovviamente non avendo i giappi la Pasqua, sono dovuto tornare sabato, fottendomi di conseguenza il venerdi di festa (Good Friday (=venerdi santo) e’ festa nazionale nei paesi anglosassoni, e di riflesso anche in alcune ex-colonie britanniche tipo Hong Kong) e naturalmente il sabato.

La cosa da ridere e’ che il lunedi di pasquetta (= altra festa nazionale) dovevo essere a Shanghai per un corso (training vendite ultra-avanzato, ovvero tecniche e strategie per vendere ghiaccio agli eschimesi). Morale: ho volato la domenica, percio’ di questo weekend lungo di Pasqua sono stato libero e a casa per circa una decina d’ore.

Tokyo e’ stata… beh, come al solito. Lavoro, izakaya con gli amici, fiori di ciliegio, pulizia & ordine ovunque, mezza stagione, allergia al スギ di merda, riunioni con salaryman che non capiscono una tega, albergo fighissimo in solitudine tipo lost in translation (a parte che conosco la lingua, ma l’atmosfera di solitudine a volte a Tokyo e’ proprio come quella del film).

Vorrei pero’ parlare un attimo di Shanghai. E’ stata la mia prima volta in Cina (terraferma Cina – ero stato a Taiwan e naturalmente vivo a HK, ma nella Cina comunista non c’ero mai stato. Poi dire che HK e’ Cina e’ come dire che Montecarlo e’ Francia, o che Singapore e’ Malesia).

Shanghai, devo dire, me l’aspettavo diversa. Piu’ sgarruppata, tanto per cominciare. Piu’… cinese.

Punti positivi: il centro e’ pulito, ordinato, senza poi tutto questo traffico. E’ pieno di posti interessanti, la metro e’ fighissima (ma d’altronde e’ quasi tutta certificata dalla mia azienda, ghghgh), ristoranti ottimi a prezzi convenienti, piena di vita. Niente male. Inoltre l’impressione generale e’ che il posto sia vivo, vibrante. La senti l’economia che tira, quasi fosse palpabile. Senti odore di opportunita’, un feeling positivo. Come se fosse li’ che succedono le cose, che si fanno le esperienze, (e perche’ no?) i soldi. Senti che a far carriera – in qualche modo – a Shanghai magari si potrebbe far prima.

Punti negativi /1: in centro c’e’ una troia ogni 5 metri e ti ferma un magnaccia ogni 4 passi. (passo – passo – passo – “do you want sexy massage?” – passo – passo – passo – “do you want sexy lady?” – passo – passo – passo – eccetera…).

2. L’acqua e’ non solo imbevibile, ma addirittura tossica credo. Dopo la doccia ti senti la pelle che “tira”. Il mio hotel mi dava 2 bottiglie d’acqua al giorno e in bagno c’era la scritta “usa l’acqua in bottiglia anche per lavarti i denti”.

3. Sono tornato da 4 giorni e ancora mi bruciano gli occhi. Quanto cazzo inquinata e’ l’aria?

4 (soprattutto). Credo ci siano due modi di “vivere” in Asia, a seconda del posto dove vivi. C’e’ il vivere sereno dei posti ultrasicuri dove la gente e’ fondamentalmente “onesta”, ricca o povera che sia. I posti dove giri per la strada senza il pensiero che qualcuno potrebbe sfilarti il portafogli (Giappone, Sudcorea, Hong Kong, Singapore, Malesia se vogliamo, Taiwan, ecc.). E poi ci sono i posti dove sei sei da solo di notte in citta’ ti guardi le spalle, perche’ non sai chi potresti avere dietro. Tipo Manila, o tipo… beh, Shanghai. Questa almeno e’ l’impressione che ha dato a me.

Aggiungo qualche foto tanto per.

5 risposte a “Viaggio a Shanghai

  1. Marina sabato 6 aprile 2013 alle 3:30 pm

    Beh, se vogliamo, per me e’ stata Pasqua solo la domenica, e solo perche’ avevo ospiti a casa mia, di conseguenza ho organizzato un pranzo. Ma altrimenti….questa volta non ti ho beccato, mea culpa a non farmi sentire ma la vita mi scorre davanti in fast-forward…..dov’e’ la moviola in questi casi, dov’e’??? Ci sentiamo per Aprile o maggio, forse.

  2. Akanishi sabato 6 aprile 2013 alle 11:05 pm

    Finalmente un bel post come ai vecchi tempi! dovresti stare sulla tazza più spesso.

  3. Alberto lunedì 8 aprile 2013 alle 3:09 pm

    La descrizione dei punti positivi calza a pennello col Giappone del decennio d’oro anni ’80. I bei tempi andati della BOLLA economica in cui davanti ai club, si riusciva a fermare un taxi per tornare a casa solo sventolando mazzette di soldi. Speriamo che la bolla cinese si sgonfi senza esplodere, saltrimenti sai che rumore!!

  4. WonderDida martedì 9 aprile 2013 alle 4:21 am

    io sono innamorata di shanghai. la trovo vitale, generosa, positiva, divertente. e sicura. non ho mai avuto nessun tipo di problema, non mi è mai stato rubato niente, e se si escludono i venditori un po’ insistenti, che puoi liquidare con un secco “bu yao”, non ho mai fatto incontri sgradevoli, nemmeno nei vicoli poco frequentati.

  5. nik mercoledì 10 aprile 2013 alle 3:50 am

    Non mi risulta che ci siano problemi di sicurezza… è qualche anno che non vado a Shanghai ma non credo che il governo cinese sia diventato più tenero con la delinquenza.
    Invece, fortunato te che puoi tenere i tuoi soldi in una banca di Hong Kong: non europea, giapponese, americana o neozelandese… visto che hanno appena firmato a Basilea un documento che prevede, in caso di insolvenza delle banche, prelievi e bank holiday tipo Cipro.
    La Cina si è ben guardata dal firmare…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: